Didattica

Officina Pasolini, ecco i primi due anni della fucina culturale romana

È stato presentato mercoledì 14 giugno il primo biennio di attività dell’Officina delle Arti Pier Paolo Pasolini, l’hub culturale di fronte alla Farnesina divenuto in questi pochi anni di vita un punto di riferimento per la produzione artistica e la formazione nel campo del teatro, della canzone e del multimediale.

A tracciare il bilancio finale del laboratorio romano sono stati Tosca, Massimo Venturiello, Simona Banchi, Daniele Silvestri, il vicepresidente della Regione Lazio con delega alla formazione Massimiliano Smeriglio e il Presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti.

Davanti a tanti studenti dell’Officina, Zingaretti ha detto che “si sta radicando un luogo unico in Italia, aperto alla contaminazione tra artisti e rivolto al mondo del lavoro. Noi faremo di tutto per appoggiare e rilanciare ulteriormente questo posto perché voi qui state vincendo una scommessa e avete messo belle radici nella città. Faremo in modo di rafforzarle“.

L’Officina Pasolini, tra il 2016 e il 2017, ha offerto ai suoi 75 allievi 1400 ore di didattica e laboratori docenti per ogni sezione e 600 ore di laboratorio individuale. I ragazzi che studiano nella struttura possono contare su 14 docenti per la sezione Canzone, 17 docenti per il Teatro e 11 per il Multimediale.

C’è stato un miglioramento costante ma i margini di sviluppo sono ancora tanti” ha sottolineato Daniele Silvestri, che sarà protagonista al Rock in Roma 2017 di un concerto-evento il prossimo 24 giugno, di cui ha curato proprio all’Officina gli allestimenti. “Spero infatti che un giorno possano essere inseriti anche corsi per liutai e scenografi“.

Nel frattempo il vicepresidente Smeriglio rassicura proprio sul futuro: “C’è bisogno di un ulteriore anno fatto di esperienze professionali, stage e quindi anche le risorse a disposizione aumenteranno e saranno circa 3 milioni per il prossimo triennio. L’idea è di fare di questo luogo un hub culturale, capace di ospitare gli artisti residenti: c’è stato Max Gazzè, c’è Daniele Silvestri che sta preparando qui il suo prossimo concerto. C’è una proposta culturale aperta alla città e credo che Roma ne abbia bisogno”.

Nel corso di questi due anni, l’Officina ha ospitato artisti come Carmen Consoli, Antonio Di Martino e Fabrizio Cammarata, Levante, Paola Turci, Danilo Rea, Niccolò Fabi, Giovanni Truppi, Bianco, Motta e tanti altri per un totale di 14 spettacoli e 13 incontri ad ingresso gratuito e un’alta e costante partecipazione di pubblico.

L’Officina Pasolini è un’occasione che va colta, sia per il piccolo che per il grande artista” chiude Tosca, coordinatrice della sezione Canzone. “Qui si è alle prese con la costruzione di un mestiere, ogni giorno, dimostrando che si può fare come nelle botteghe del Rinascimento, dove il maestro passava agli allievi le sue competenze. Insegnamo ai ragazzi a far caso al respiro del pubblico, non come nella fiera della vanità dei talent“.

Di seguito, gli ultimi due appuntamenti della stagione 2017 all’Officina:

MULTIMEDIALL (THAT’S ALL FOLKS!) – 23 giugno 2017, a cura di Simona Banchi, Maurizio Cartolano, Alessio Saglio
OFF RADIO SHOW – 28 giugno 2017, a cura di Piero Fabrizi

The Parallel Vision  _ Paolo Gresta)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...