concorso

#LiveReport: La quarta serata di Arezzo Wave Festival

Alla quarta e ultima serata di preselezioni al Trenta Formiche per Arezzo Wave Festival l’aria era diversa. Al termine delle esibizioni si sapeva che sarebbe stato dato il grande annuncio delle quattro band che sarebbero andate in finale al Monk il 17 maggio.

Buio in sala, proiettore acceso. Spezzano la tensione e iniziano gli ET/ /AL con un brano unico, 27 minuti di voce di Eleonora Savini che si fondono con le sue note alla chitarra e le proiezioni di neve, foglie, mare accompagnate da violino, violoncello elettrico, basso e batteria.

Scopro che le immagini sono di Arber Ndoj, chitarra e piano del gruppo. Gli ET/ /AL si presenta come un progetto artistico ancor prima che musicale. Un ensemble contemporaneo di musica psichedelica, visual art e prog rock.

Dopo di loro viene smontato il telo, e l’insegna “30” torna a rilucere. È il turno dei TreesTakeLife. Un duo al femminile formato da Martina Sanzi e Mina Chiarelli con al seguito ukuleli, tamburelli e marakas.

Semplici come la malinconia, mentre cantavano me le immaginavo su un prato fiorito di margherite (poi ho trovato che effettivamente hanno un video esattamente così). Chiudono con una dolcissima “Come back to your home”.

Infine salgono sul palco gli Shijo X, terza e ultima band della serata. L’intensissima Laura Sinigaglia ci fa ascoltare alcuni brani del loro album in uscita, dal titolo “Odd Times“. Trip hop elegante, un progetto dal sound raffinato di una band che alle spalle ha grande esperienza sia all’estero che in patria, come l’apertura al live di Paolo Nutini durante l’Italia Wave Festival 2011 e che davanti ha una bella tournée, con tappa persino al Primavera Sound Festival di Barcellona.

La giuria di qualità si riunisce in segreto per decidere i quattro finalisti: vediamo scomparire dietro una tenda Cristiano Cervoni (Responsabile Regionale AWL), Valerio Mirabella (The Roost), Gianluca Polverari (Radio Città Aperta e Romasuona), Emanuele Tamagnini (Nerds Attack) e Matteo “Pippo” Rossi (Responsabile Regionale 2017 – Ausgang Produzioni).

Arriva il momento dell’annuncio sul palco del Trenta Formiche: Random Clockwork, Black Snake Moan (entrambi protagonisti della seconda serata delle semifinali), Plastik e infine Shijo X. Saranno loro le quattro band a suonare al Monk mercoledì 17 maggio, alla finale di Arezzo Wave Lazio. Grandi applausi ed esultazioni, prima di salire in motorino ci attacco l’adesivo di Black Snake Moan per festeggiar personalmente la sua vittoria.

Ma qualche giorno dopo arriva a sorpresa un messaggio sulla pagina fb di Shijo X. “Per motivi personali imprevisti”, scrivono “dobbiamo annullare la nostra presenza alla finale di Arezzo Wave Lazio”.

L’organizzazione allora decreta l’entrata in finale della quinta migliore band: tornano in gara gli ET/ /AL. Per sapere come andrà a finire, appuntamento con tessera Arci in mano il 17 maggio alle ore 21.30 al Monk in Via Giuseppe Mirri 35. Ingresso gratuito. Sul palco Random ClockworkPlastik, Black Snake Moan ed ET/ /AL. Un solo vincitore che partirà per Milano il 23 e 24 giugno. Non c’è che da andare ad ascoltare.

The Parallel Vision  _ Margherita Schirmacher)
(Foto: © Margherita Schirmacher)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...