Teatro

Roma Fringe Festival 2019, l’anima del teatro indipendente a Testaccio

La settima edizione del Fringe Festival di Roma si terrà a gennaio e la nuova direzione firmata da Fabio Galadini è già fortemente orientata verso il sostegno al teatro indipendente non solo capitolino, ma su scala nazionale.

Sostenere, promuovere e distribuire la realtà indipendente: questa è la grande novità di quest’anno” racconta il successore di Davide Ambrogi alla direzione artistica del Fringe. “Abbiamo capito che questo è il teatro che non ha possibilità economiche per esprimersi, nessuna struttura alle spalle e che rischia di rimanere lì dove nasce, ovvero di non manifestarsi“.

La novità di questo Fringe è la creazione di una zona indipendente. Ci saranno 14 teatri in tutta Italia che accoglieranno lo spettacolo vincitore del festival. Con una particolarità: le compagnie non avranno alcuna spesa da affrontare“. La volontà di Galadini è quella di ampliare la rete di teatri fino a 54 in tutto il Paese, interpretando una linea di teatro indipendente aperto a tutti, professionisti e non.

Altre novità del Fringe Festival 2019 sono il “cambio di stagione” e il luogo dove si svolgerà. Non più l’estate, dunque, ma a gennaio. “Roma non conta su molti eventi, in quel momento dell’anno“, continua Fabio. “Abbiamo cercato di evitare il periodo estivo e puntare su un mese che potesse essere ‘riempito’ con un festival come il nostro“. Inoltre, non più Villa MercedeVilla Ada, ma la Pelanda del Mattatoio, a Testaccio.

Con un ultimo appuntamento di particolare prestigio firmato Teatro Vascello. Sarà proprio il palco di Via Giacinto Carini 78 (zona Monteverde), infatti, ad ospitare la finale del Fringe 2019. 36 gli spettacoli in programma provenienti da Italia, Inghilterra e Israele e assolutamente inediti per il pubblico romano.

Ogni sera ci saranno 6 testi differenti presentati su 2 palchi che si sfideranno per aggiudicarsi il premio finale: l’inserimento nei cartelloni 2019/2020 dei 14 teatri della rete del Fringe più la possibilità di partecipare a uno dei Fringe mondiali.

Abbiamo anche distinto le giurie che valuteranno gli spettacoli” sottolinea Galadini. “Ci sarà quella che si occuperà delle pièce durante il festival, composta dai 14 direttori artistici della nostra rete. E poi ci sarà una giuria di qualità per la finale del Vascello presieduta da Manuela Kustermann con nomi come Antonio Rezza, Flavia Mastrella, Ulderico Pesce, Valentino Orfeo e tanti altri“.

Infine, il Fringe continua sulla linea dell’inclusività ospitando altri 2 appuntamenti a latere: il Fringe Book alla Pelanda (dove ogni giorno ci saranno presentazioni di libri e incontri con gli autori) e il Fringe Talk, 2 sessioni di lavoro sul teatro indipendente al MACRO di Via Nizza 138, coordinate dal Prof. Ferruccio Marotti. Dopo i dibattiti potrete sperimentale l’esperienza del teatro immersivo con lo psicologo e trainer teatrale Riccardo Brunetti (che abbiamo intervistato qualche mese fa proprio sul teatro immersivo) e la performer Anna Maria Avella dal titolo “Attorta“. Ci saranno 4 repliche nelle giornate del 24 e 25 gennaio (previo invito) per 30 persone a replica.

Il Fringe Festival 2019 si terrà dal 7 al 27 gennaio presso la Pelanda al Mattatoio (Piazza Orazio Giustiniani 4). La finale, come ricordato prima, si terrà al Teatro Vascello lunedì 28 gennaio. Il costo del biglietto per il singolo spettacolo è di 8 euro. A QUESTO LINK TROVATE IL PROGRAMMA COMPLETO DI FRINGE 2019 (DA SCARICARE).

The Parallel Vision ⚭ _ Paolo Gresta)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...