Arte

“Dream”, il racconto dei sogni al Chiostro del Bramante

La parola sussurrata in un orecchio è la chiave per amare “Dream. L’arte incontra i sogni“, terzo e ultimo capitolo della trilogia ospitata dal Chiostro del Bramante dopo “Love” ed “Enjoy” e dedicata alle emozioni più intime dell’uomo. La parola più del gesto, quindi. Perché è l’ascolto a rendere l’opera fisica stupefacente, dilatata e avvolgente.

Dream. L’arte incontra i sogni” disegna un percorso complesso tra i bellissimi lavori di Jaume Plensa, Anselm Kiefer, Mario Merz, Giovanni Anselmo, Christian Boltanski, Doris Salcedo, Henrik Håkansson, Wolfgang Laib, Claudio Costa, Kate MccGwire, Anish Kapoor, Tsuyoshi Tane, Ryoji Ikeda, Bill Viola, Alexandra Kehayoglou, Peter Kogler, Tatsuo Miyajima, Luigi Ontani, Ettore Spalletti e James Turrell, smussati tuttavia dalla dolcezza di un racconto in cuffia quanto mai necessario.

Sono infatti le voci di 14 tra attrici e attori a permettervi di scivolare dentro le opere d’arte, dando forma alla visione onirica che il titolo della mostra rappresenta. I delicati testi originali scritti proprio per “Dream” da Ivan Cotroneo sono un’arma formidabile per scardinare i messaggi dei manufatti esposti, rendendo fondamentale l’uso dell’audioguida fornita all’ingresso della mostra.

I confini sfocati del sogno acquisiscono quindi poesia e vertigine, mentre suoni dai timbri scuri vanno a sostegno dello sguardo e ne sublimano l’esperienza. Proprio come in un sogno, dove vediamo e ascoltiamo la parte più profonda del nostro spirito.

Vi invito, quindi, a farvi cullare dai racconti recitati da Valeria Solarino, Alessandro Roja, Matilda de Angelis, Marco Bocci, Simona Tabasco, Giuseppe Maggio, Matteo Oscar Giuggioli, Valentina Cervi, Alessandro Preziosi, Angela Baraldi, Brando Pacitto, Isabella Ferrari, Giulia Bevilacqua e Cristiana Capotondi, a innamorarvi della splendida poesia di Cotroneo e ad abbandonarvi alle 26 opere d’arte in mostra.

Dream. L’arte incontra i sogni“, a cura di Danilo Eccher, è prodotta e organizzata da DART e si avvale delle musiche originali di Emanuele de Raymondi. Il costo del biglietto, con audioguida inclusa, è di 14 euro, ridotto 12 euro. La mostra sarà aperta fino al 5 maggio 2019 all’interno del Chiostro del Bramante (Via della Pace, zona Piazza Navona) nei seguenti orari: lunedì-venerdì dalle 10 alle 20, sabato e domenica dalle 10 alle 21.

The Parallel Vision ⚭ _ Paolo Gresta)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...