concorso

Altroquando Folkstudio: la nuova cantina dei cantautori

L’Altroquando è una libreria che fa angolo tra due delle viottole del centro storico romano, Via dei Leutari e Via del Governo Vecchio. L’Altroquando, però, è anche un pub, che nel seminterrato ospita ogni tanto qualcuno a cantare, a recitare poesie, a leggere.

Gianni Togni e Margherita Schirmacher hanno pensato che fosse proprio il posto giusto per riproporre quello che era stato, dagli anni ‘60 fino alla fine dei ‘70, il ricettacolo del cantautorato italiano di celebre tradizione: il Folkstudio. Una cantina insonorizzata nel cuore di Trastevere con un palchetto alto dieci centimetri dove si esibirono, ai loro albori, gli ancora sconosciuti Venditti, De Gregori, Rino Gaetano e anche un ventunenne Bob Dylan.

altroquando-folkstudio-4L’Altroquando ci assomiglia a una cantina, ma è arredata con gusto e le pareti sono costellate da poster discografici e cinematografici d’epoca, tra le migliori di Roma. Al bar sono simpatici e servono ottima birra. Il palchetto di dieci centimetri c’è e forse sono anche meno. E poi c’è Gianni Togni, che proprio in quella cantina di Trastevere presentò i suoi primi pezzi.

Lo ritrovi seduto in prima fila pronto ad ascoltare le nuove promesse del cantautorato italiano che il concorso diretto, appunto, dalla Schirmacher, chiamato proprio Altroquando Folkstudio, ha l’obiettivo di lanciare. Come vi avevamo anticipato a gennaio, ogni domenica, da qui a maggio, quattro cantautori selezionati tramite video o registrazioni amatoriali di pezzi inediti si esibiranno in un contest che vedrà il vincitore lavorare per tre giorni all’interno della sala di registrazione R&B Recording Studio di Civitavecchia, per realizzare un suo singolo o un Ep di 3 brani.

altroquando-folkstudio-augenblitz

Augenblitz

Io mi ritrovo al tavolo con una compagnia di simpatiche signore tedesche che apprezzano molto le canzoni dei quattro in gara alla serata d’apertura di domenica scorsa, 5 marzo. Sono lì perché Margherita mi ha chiesto di far parte della giuria artistica, proprio insieme a Gianni Togni. Il mio sogno è sempre stato quello di fare il giurato a un talent show e questo non può che essere l’inizio più roseo che mai avrei potuto immaginare.

I primi a salire sul palco sono gli Augenblitz, sonorità alla Tiromancino, testi alla Niccolò Fabi, interpretazione precisa, su ritmi lenti. Forse esagerano un po’ con la voce, da tenere a bada in un posto così intimo. Poi tocca ad Armando Vertorano, che porta del sanissimo teatro-canzone, ispirandosi a un contemporaneo Gaber, magari togliendo brio ma aggiungendo satira antropologica e nostalgia di tempi lontani, al passato e al futuro.

altroquando-folkstudio-armando-vertorano

Armando Vertorano

La Malastrada è un duo di Velletri, piano, voce e chitarra. Musicalmente sono i più evoluti, portando testi poetici e immaginifici, con la voce giusta per il tipo di canzone ispirata alle atmosfere di Vinicio Capossela. Ma c’è anche molto Pino Daniele in “Gianluca non sapeva volare”: un gran bel blues, nella musica e nel testo.

Infine, Le Teorie di Copernico di Francesco Chini che vocalmente è senza dubbio il migliore. Nella tradizione Afterhours, il testo e la performance sono disturbanti, mentre c’è un lontano ricordo di Edoardo Bennato nel suo uso della chitarra insieme alla voce.

Vincono gli Augenblitz, da me votati al terzo posto. Ma mi hanno detto che i critici devono fare i bastian contrari. Meritato, comunque, il loro passaggio al turno successivo. Il livello è alto e c’è trasmissione di emozioni e contaminazione di stili e tecniche. L’obiettivo dell’Altroquando Folkstudio è centrato, e la strada è lunga.

The Parallel Vision ⚭ _ Simone Zivillica)

3 risposte »

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...