Cultura turismo

A primavera arriva La Francigena e le vie del gusto in Tuscia

Da marzo 2022 arriva La Francigena e le vie del gusto in Tuscia

lago-montagna-rocce-cielo-nuvole

Da marzo 2022 nasce un nuovo punto di riferimento per scoprire la Tuscia viterbese.

È La Francigena e le vie del gusto in Tuscia, la più grande DMO della Tuscia Viterbese nel tratto di Via Francigena che propone nuove idee di turismo per vivere e scoprire da vicino l’intero microcosmo di quell’area del Centro Italia.

Un progetto, con capofila il Comune di Acquapendente (VT), che integra digitale e patrimonio per dare nuovo respiro a un tratto di cammino unico al mondo e candidato bene UNESCO.

La Francigena e le vie del gusto in Tuscia: il progetto

A partire dall’organizzazione di un unico punto di riferimento online e smart con TusciApp Francigena per guidare il visitatore all’interno dei percorsi e delle realtà di riferimento, La Francigena e le vie del gusto in Tuscia metterà per la prima volta in rete i punti di accoglienza del pellegrino.

In questo modo si darà vita anche alla prima rete di biblioteche del pellegrino che si snoderanno in ognuno dei comuni toccati dalla Via Francigena.

La valorizzazione dei cammini si articolerà in:

  • Viterbo-Roma via Francigena in mountain-bike: 115 km della Tuscia attraversando 1500 m di dislivello dal cuore di Roma passando attraverso Vetralla, Capranica con le torri di Orlando, Sutri con il suo Mitreo, l’anfiteatro e le necropoli etrusche, per arrivare infine a Monterosi
  • Storie di bici e di amicizia: un laboratorio di scrittura che incontra la bellezza della Via Francigena percorsa in bici attraverso itinerari destinati anche a turisti con disabilità, per creare una comunità consapevole e rendere il cammino accessibile a tutti

Ambiente, folklore, biodiversità e food al centro dell’iniziativa

L’attenzione sarà rivolta all’ambiente con I Love Francigena.

Gli studenti e gli operatori si confronteranno e formeranno sulla tutela ambientale, svolgendo azioni di raccolta di rifiuti e pulizia raccontando storie di pellegrini e artigiani delle botteghe ubicate lungo la Via Francigena.

Spazio anche al folklore, alle rievocazioni, alla cultura e allo spettacolo dal vivo con “Il bosco sulla Francigena“, visita teatralizzata nel suggestivo Bosco del Sasseto.

E ancora eventi tematici legati alle figure di briganti, butteri e mezzadri.

Infine il recupero della biodiversità e la valorizzazione del settore enogastronomico saranno in primo piano con la creazione del Paniere del Pellegrino.

Il Paniere rappresenterà un collegamento ideale tra la Francigena e l’enogastronomia che riunisce i prodotti enogastronomici del territorio proposto con un packaging eco-sostenibile.

E sempre guardando alla tradizione enogastronomica, la DMO proporrà Tuscia stellata contest gastronomico, un omaggio a Italo Arieti considerato l’Artusi della Tuscia.

Informazioni

Info, dettagli e prenotazioni per La Francigena e le vie del gusto in Tuscia:

The Parallel Vision ⚭ ­_ Redazione)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: