ambiente Cultura

Il 21 novembre 2021 è la Giornata Nazionale degli Alberi

Il 21 novembre 2021 arriva la nona Giornata Nazionale degli Alberi

La Giornata Nazionale degli Alberi tocca quota 9 edizioni e come ogni 21 novembre coinvolge tutte le scuole di ogni ordine e grado al fine di promuovere il rispetto e la valorizzazione dell’ambiente.

21 novembre: Giornata Nazionale degli Alberi

Proprio questo è il giorno il cui il Ministero dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare ha istituito nel 2013 questa particolare ricorrenza con l’intento di sottolineare l’importanza della salvaguardia del nostro territorio.

Ogni 21 novembre quindi si celebra un momento di approfondimento culturale e civile che appunto delega all’educazione scolastica il delicato compito di raccontare l’ecosistema boschivo del nostro Paese attraverso eventi e appuntamenti in tutta Italia.

In occasione di questa Giornata, quindi, le scuole di ogni ordine e grado, nell’ambito della propria autonomia didattica e organizzativa, sono invitate a progettare iniziative che raccontino la tutela della biodiversità e il rispetto delle specie arboree.

Anche ai fini del mantenimento dell’equilibrio tra comunità umana e ambiente naturale.

E di favorire l’adozione dei comportamenti quotidiani ecosostenibili.

alberi-sole-cielo-tramonto
(Foto: © The Parallel Vision)

Il tema di quest’anno: il cibo e l’alimentazione sostenibile

Ogni anno la Giornata è intitolata a particolari temi di rilevante valore etico, culturale e sociale.

Il tema scelto per quest’anno è: “L’albero padre del cibo: verso una alimentazione sostenibile”.

Piantare un albero salva la vita

Nasce nel 2015 “Alberi per il Futuro“, l’iniziativa di forestazione urbana lanciata all’epoca dal Movimento 5 Stelle presso le sedi di Reggio Emilia e Milano e che coinvolge Comuni di ogni colore politico.

Proprio in occasione della Giornata Nazionale degli Alberi, in ogni città aderente al progetto sono state messe a dimora tantissime piante per creare nuovi boschi urbani o per arricchire i parchi già esistenti.

Da allora a oggi sono stati piantati oltre 40.000 alberi e arbusti in tutte le Regioni e in oltre 200 città italiane.

La creazione di un Bosco Diffuso

Figlio diretto di quel progetto è “Un Albero per il Futuro“, un’iniziativa lanciata nel 2020 dal Ministero della Transizione ecologica assieme al Raggruppamento Carabinieri Biodiversità, per realizzare un piano nazionale di educazione ambientale rivolto alle scuole sull’importanza della forestazione e della conservazione della biodiversità.

Nella primavera del 2021 sono state distribuite gratuitamente fino a 60.000 piantine, che si andranno ad aggiungere ai circa 12 miliardi di alberi già presenti nei nostri boschi.

Ogni albero distribuito attraverso il progetto contribuirà a costituire in tutta Italia un grande Bosco Diffuso, fatto di specie autoctone che cresceranno aumentando la qualità ambientale.

Ogni pianta potrà essere geolocalizzata, fotografando uno speciale cartellino posto su ciascuna di esse e sarà possibile seguire a distanza l’andamento e l’espansione del nuovo bosco, apprezzando anche il progressivo  risparmio di CO2.

Il progetto intende coinvolgere attivamente studenti, scuole, famiglie e tanti cittadini in un percorso reale di consapevolezza ecologica, per migliorare la qualità ambientale di molte aree e contribuire a mitigare i cambiamenti climatici.

abete-albero-nebbia-foresta
Photo by eberhard grossgasteiger on Pexels.com

Giornata nazionale degli alberi: quali sono i più diffusi in Italia

Gli abeti dominano sicuramente la classifica degli alberi più diffusi nel nostro Paese. Il più comune è quello bianco, presente principalmente su Appennini e Alpi.

Poi ci sono i pini e gli aceri, dopodiché arrivano l’alloro e la betulla.

Il castagno e il ciliegio risultano rigogliosi su Alpi e Appennini il primo e nelle aree altocollinari il secondo.

Poi ci sono i cipressi, il faggio comune (o occidentale), il larice e via via tutti gli altri.

Italia secondo Paese d’Europa per copertura forestale

In totale, in Italia ci sono circa 12 miliardi di alberi ed è il secondo Paese in Europa per copertura forestale.

L’Italia infatti, Con il 38% della sua superficie coperta da boschi, è preceduta solo dalla Spagna (al 55,4%), mentre precede Germania (32,8%) e Francia (32,1%).

ragazzo-monopattino-alberi-macchine-barba-occhiali-scuri
Photo by Dmitriy Ganin on Pexels.com

Quali sono le città più “verdi”

Nonostante sia la città più inquinata d’Italia, Milano è anche quella che possiede più alberi. Ne ha infatti oltre 465mila e precede Roma (312mila) e Venezia (307mila) nella classifica delle città più verdi d’Italia.

Ma in quanto a green, all’interno dei centri urbani, c’è ancora molto da lavorare. Il Ministero dell’Ambiente ha infatti stimato che per una qualità della vita di buon livello, ogni cittadino dovrebbe godere di 9-11 metri quadrati di verde a testa.

Questa soglia è ancora lungi dall’essere raggiunta per tantissimi Comuni italiani in merito a verde pubblico.

The Parallel Vision ⚭ _ Paolo Gresta)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: