Cultura Evento Festival

Romaeuropa Festival, ecco il programma degli eventi 2020

La 35esima edizione del Romaeuropa Festival è stata confermata e si terrà dal 18 settembre al 15 novembre, offrendo al proprio pubblico il meglio della creazione contemporanea.

Romaeuropa Festival, ecco il programma completo degli eventi 2020

La 35esima edizione del Romaeuropa Festival è stata confermata e si terrà dal 18 settembre al 15 novembre, offrendo al proprio pubblico il meglio della creazione contemporanea.

Durante i 2 mesi di programmazione del Romaeuropa Festival 2020 – Contatto: un gesto per il presente saranno 15 gli spazi della Capitale coinvolti:

  • 2 sale dell’Auditorium Parco della Musica
  • Teatro Argentina
  • Teatro India
  • 6 spazi del Mattatoio
  • 2 spazi del MAXXI – Museo nazionale delle arti del XXI Secolo
  • Teatro Vascello
  • Teatro Quarticciolo
  • Villa Medici – Accademia di Francia
man-make-up-artist-rope

REf20

La nuova edizione di REf conterà 62 eventi e 141 giornate di spettacolo in linea e in continuità con i consueti standard, arricchiti con le nuove attività di EXTRACT, l’inedita sezione online con 40 eventi pensati in prima italiana o assoluta appositamente per il web, streaming live e un palinsesto settimanale di attività curato dallo staff del festival.

Novità assoluta del REf20 è anche Dialoghi sulla paura, speciale programma di lectures curato dall’attore, autore e produttore Francesco Siciliano insieme con l’attrice e scrittrice Francesca D’Aloja.

Un ciclo di lectio magistralis dedicate al sentimento mai così attuale della paura che, nella splendida cornice del piazzale di Villa Medici, proprio dove il festival è nato 35 anni fa, vedrà protagonisti 5 grandi scrittori italiani: Sandro Veronesi, Edoardo Albinati, Melania Mazzucco, Michela Murgia e Alessandro Piperno.

“Mantenuti tutti i lavoratori e gli artisti”

In queste settimane abbiamo lavorato per rielaborare il programma ricostruendo il giusto spazio in cui riunire le nostre comunità e prendercene cura” racconta il Direttore generale e artistico della Fondazione Romaeuropa Fabrizio Grifasi.

Lo abbiamo fatto in dialogo con le artiste e con gli artisti, con le istituzioni e con lo staff, in ascolto delle necessità di questo presente e senza tradire la visione che appartiene all’identità del festival“.

Ci siamo impegnati a confermare tutti i lavoratori previsti per la trentacinquesima edizione senza fare ricorso alla cassa integrazione e a mantenere saldi gli impegni produttivi con gli artisti ragionando su una biennalità e spostando al REf21 alcune produzioni non compatibili con le limitazioni di quest’anno“.

Abbiamo mantenuto lo stesso numero di rappresentazioni originariamente in programma con una riduzione degli eventi del solo il 10% e faremo fronte a una sensibile riduzione delle capienze degli spazi con una perdita di 40.000 posti in vendita“.

Nonostante questo, abbiamo optato per una politica di riduzione dei prezzi dei biglietti per tutti gli spettacoli con l’intenzione di garantire una maggiore accessibilità e possibilità di condivisione“.

Vocazione al rinnovamento

Con un deciso sostegno alle compagnie e agli artisti indipendenti italiani e un importante sforzo per garantire una rilevante presenza internazionale – ancora più significativa in questo contesto che vede congelata la circolazione degli artisti in Europa e nel mondo – Il REf20 conferma la sua vocazione e rinnova la sua visione sul presente attraverso gli sguardi molteplici della creazione contemporanea, con un forte ricambio generazionale e il 70% degli artisti in programma per la prima volta al REf.

woman-black-shirt
Sasha Waltz

Il programma 2020

Sarà Sasha Waltz, il 18 settembre, a inaugurare il Romaeuropa Festival 2020 confermando la sua presenza con la prima assoluta di una nuova creazione site specific all’aperto realizzata appositamente per il festival sull’orma dei suoi celebri Dialoge e confrontandosi artisticamente con le misure di sicurezza ancora in atto per fermare la pandemia.

Una performance rigorosa ma con una forte componente d’improvvisazione sul palco della Cavea dell’Auditorium Parco della Musica.

The Parallel Vision ⚭ ­_ Redazione)

1 comment

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: