Evento

L’Isola Tiberina ospita la Festa della Dea Iside

Per la terza volta dalla sua apertura La Casa di Iside e Kali, tempietto indù a Roma, unisce al proprio consueto calendario di riti della tradizione vedica anche delle ritual performance dedicate a divinità e festività della nostra antichità classica. Ci si riunirà per recitare una litania dei nomi della Dea Iside, recitazione che la accomuna alle più importanti dee indù quali Lalitha Tripurasundari e Kali.

Giovedì 5 marzo appuntamento alle 18 a Piazza San Bartolomeo all’Isola sull’Isola Tiberina. Il gruppo attenderà fino alle 18.15 e poi si sposterà per scendere sulla parte bassa dell’Isola. La partecipazione è assolutamente libera e gratuita. I partecipanti potranno portare in dono alla Dea rose e cibi dolci da condividere alla fine del rito. È raccomandabile scrivere un proprio auspicio o desiderio personale su un foglietto di carta che verrà lasciato navigare nelle acque alla fine del rito (e che rimarrà ovviamente anonimo). Chi vuole può portare il suo sistro e l’evento è aperto anche ai bambini.
79995462_2983966468409305_5497479485143908352_oVerrà allestita una nave-altare sulla “prua” dell’Isola Tiberina, creando così simbolicamente un “nave nella nave”. Tutti i partecipanti potranno contribuire all’allestimento con fiori e candele. Successivamente verrà data lettura della bellissima litania dei nomi della Grande Dea, così come riportati nel papiro di Ossirinco (Oxyrhynchus Papyrus XI.1380). I partecipanti potranno quindi lasciare i propri auspici su foglietti di carta, che verranno raccolti e posti in una piccola imbarcazione che salperà nelle acque, simbolo del lasciar andare della volontà personale al flusso divino.

Anticamente la festa del Navigium Isidis si svolgeva con un corteo mascherato allegro e festoso che accompagnava una nave lignea decorata di fiori, il Carrus Navalis, da cui proviene il nostro Carnevale. Celebrata per tradizione il 5 marzo, con tale ricorrenza si apriva la stagione della navigazione e, simbolicamente, si accoglievano gioiosamente le emergenti energie primaverili.

Il Carrus Navalis era una nave a ruote nella quale venivano rappresentate le forze del caos precedenti alla creazione dell’universo, temporaneamente rievocate per avviare una nuova cosmogonia. Per info: deamadreshakti@gmail.com.

The Parallel Vision  ­_ Redazione)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: