Arte

Arriva la mostra dedicata ad Alberto Sordi a 100 anni dalla nascita

Per celebrare il centenario della nascita di Alberto Sordi, la Fondazione Museo Alberto Sordi organizza una mostra senza precedenti all’interno della storica villa del leggendario attore romano, in Piazza Numa Pompilio. Un evento inedito e attesissimo, viste anche le già 10.000 prenotazioni arrivate da tutta Italia.

Il Centenario – Alberto Sordi 1920-2020” si terrà dal 7 marzo al 29 giugno nella splendida residenza di Sordi, a 2 passi da Caracalla, un luogo che permetterà al pubblico di scoprire il quotidiano di una delle maschere più famose al mondo della commedia italiana.

La villa, progettata negli anni ’30 dall’architetto Clemente Busiri Vici, è dunque aperta per la prima volta alle persone che vorranno approfondire il privato di Alberto Sordi, nato nella Capitale il 15 giugno 1920 e scomparso il 24 febbraio 2003 all’età di 83 anni.
sordi_d0Il Centenario – Alberto Sordi 1920-2020” si snoda tra i vari ambienti della casa e del giardino per illustrare la lunga carriera e la vita dell’attore attraverso documenti inediti, oggetti, abiti, fotografie, video, curiosità. Oltre alla villa, il Teatro dei Dioscuri ospiterà una seconda sezione con un importante focus su “Storia di un italiano”, il programma tv degli anni ’70 a cui il Nostro era particolarmente affezionato.

L’obiettivo di questa mostra dedicata al grande Alberto, come dice il curatore Alessandro Nicosia, è soprattutto aprire per la prima volta al grande pubblico la villa rifugio di Sordi, farla conoscere così com’era invariata nel tempo e ricostruire cronologicamente il suo percorso di uomo e di attore. Proprio per valorizzare la storia di questa casa che diventerà presto un museo, si è cercato di rispettare gli ambienti che sono rimasti intatti dopo la morte dell’attore, così come lui li aveva voluti e vissuti, facendoli dialogare con la proposta espositiva piena di sorprese e di tanti inediti.

Questa mostra permette quindi di scoprire un Sordi che va oltre i successi cinematografici e di conoscere storie che talvolta circolavano a proposito del suo privato. Un Sordi speciale, vero: il maestro fu un benefattore, un amante degli animali e delle belle donne, un collezionista d’arte, un fotografo appassionato, un viaggiatore… E così si racconta nel progetto espositivo studiato per consentirne la visita come se si fosse ospiti dell’attore.

La mostra è promossa da Fondazione Museo Alberto Sordi, con Roma Capitale e con Regione Lazio, con il riconoscimento del MIBACT Direzione Generale Cinema e AudiovisivoSoprintendenza Speciale di Roma Archeologia Belle Arti PaesaggioSoprintendenza Archivistica e Bibliografica del Lazio, con il patrocinio di SIAE, con il sostegno di Luce CinecittàAceaBanca Generali Private e con la collaborazione di Rai Teche. La curatela è di Alessandro Nicosia con Vincenzo Mollica Gloria Satta, prodotta e organizzata da C. O. R. Creare Organizzare Realizzare. Info: 06.85353031.

The Parallel Vision  ­_ Redazione)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...