Cultura

Piazza Navona, uno dei luoghi-culto di Roma e il mistero sul suo nome

In principio era lo Stadio di Domiziano, fatto costruire dall’imperatore omonimo intorno all’85 d.C. e usato esclusivamente per le gare di atletica. Ma come ha fatto uno “Stadio” a diventare “Piazza” e “Domiziano” a trasformarsi in “Navona“, uno dei luoghi della Capitale più belli e conosciuti al mondo?

In realtà, Piazza Navona non è dedicata a nessuno in particolare. Lo Stadio, creato dall’imperatore per manifestazioni pubbliche di giochi e corse di carri, durante il Medioevo venne conosciuto come “Circus Agonis” o “Campus Agonis“, appunto “Piazza dei Giochi” o “Piazza in Agone“, continuando ad ospitare tornei e corse e diventando anche mercato e luogo di incontro per lo scambio e la vendita di merci come verdure e carni.

piazza-navona-visita-guidata-stadio-domiziano-2016-98Da “Piazza in Agone” a “Piazza Navona“, però, le ipotesi sulle trasformazioni che hanno portato al nome attuale sono diverse. C’è chi parla di epentesi, come Gian Luigi Beccaria nel suo “Dizionario di linguistica” (Einaudi, 2004), un fenomeno di fonetica storica che consiste nell’aggiunta di un suono all’interno di una parola, per cui “Piazza in Agone” diventa a un certo punto “Piazza Naone” e infine “Piazza Navona” con l’aggiunta di una “v”.

C’è poi l’ipotesi di una possibile corruzione della parola “Agone” nel corso dei secoli, per cui: “Agone“, “in Agone“, “Innagone“, “Navone” e quindi “Navona“.

C’è, infine, un processo di “imbastardimento” popolare legato alla parola “Nave”, in quanto la forma della piazza ricorda quella di un’imbarcazione. Il dizionario online Treccani dice che “navóna” può appunto essere l’accrescitivo popolare di “Nave”: “Il nome di piazza Navona, celebre piazza romana, è comunemente ritenuto un’alterazione popolare dei nomi successivamente assunti dall’antico Stadio di Domiziano: “Campus” o “Circus Agonalis”, “Campus Agonis”, “[Campo] in Agoni”, poi “in Agona”, e di qui “Navona”, con un’agglutinazione su cui ha influito la forma caratteristica della piazza“.

Insomma, “Piazza dei Giochi” o “Piazza a forma di grossa nave”, il prezioso capolavoro barocco di Roma resta uno dei luoghi più intrisi di storia e fascino del mondo, anche se sul suo nome non ci sono particolari certezze. E forse questo dettaglio contribuisce a rendere Piazza Navona ancora più amata da turisti e cittadini.

The Parallel Vision ⚭ _ Paolo Gresta)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...