Letteratura

Progetto #Paralleli – Letteratura: Sabrina Sciabica, “Come fosse l’ultimo respiro” /1

COME FOSSE L’ULTIMO RESPIRO

Chiudi gli occhi” disse lei, allontanando la mano del ragazzo che le cingeva il fianco. Nell’altra mano lui teneva il bicchiere, con un liquido rosso intenso. A quella scena, l’espressione severa della 60enne che aveva studiato la coppia, entrata 10 minuti prima ridendo fragorosamente, si era fatta accondiscendente.

Prima di bere, senti l’aroma. Gira il calice, per farne fuoriuscire la fragranza. È l’anima del vino. La avverti al naso?“, chiese lei.
È così intenso! Sì, sì, la sento!” disse lui stupito e felice, come ogni volta che imparava qualcosa da lei.

Quella sera lui la accompagnò fin dentro al portone, non si era allontanato dalla donna neanche per un attimo e più volte lei lo aveva dovuto trattenere dall’impeto di accarezzarla. Appena entrati lui la serrò tra le braccia e la baciò intensamente, senza neanche fare caso all’uomo col cappotto che scendeva le scale e li guardava con un misto di curiosità e desiderio.

La appoggiò all’ascensore, premendo il pulsante per chiamarlo, continuando a passarle le mani sui fianchi e poi verso l’alto, aprendo i bottoni della camicetta. Poi, lì dentro, le infilò una mano nella gonna e cominciò a sfiorarle le cosce, mente lei sussurrava complice: “aspetta, entriamo in casa“.

Lei aprì la porta e lui non fece caso alla prima stanza, poco ammobiliata; si diresse automaticamente alla camera da letto, mentre le toglieva ogni indumento e continuava a baciarla ovunque. Sul letto, togliendosi gli abiti, lui chiese: “Chissà che avrà pensato il tuo vicino di casa! Sarà geloso di te, sei così bella! Lo conosci?“.

Sì, ma adesso non mi importa di lui… Adesso ci sei tu, ci siamo noi. Adesso amami come se fosse l’unico momento della nostra storia, come se fosse l’ultimo respiro” rispose la donna.

Voglio farti godere, voglio farti sentire quanto ti desidero. Sei unica, sei una donna vera” continuò lui mentre le leccava i seni e poi scendeva giù.

(1 di 3 parti. Continua domani ->)

The Parallel Vision ⚭ _ Redazione)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...