Letteratura

Progetto #Paralleli – Letteratura: Marco Amoroso, “Roberto Bolaño” /3

[…]

Molti lo avvicinarono a Cortázar, altri a Mario Vargas Ilosa, alcuni critici intravedevano in lui e nella sua scrittura l’influenza della poesia di Márquez o di Neruda. Ma Bolaño a parere mio era distante da tutti loro, scrittori che comunque sia aveva letto e amato moltissimo (soprattutto Cortázar), ma ciò non basta.

Sulla soglia dei quarant’anni, un male incurabile al fegato.

Nel frattempo nascevano Lautaro e Alexandra, i suoi due figli ai quali dedicherà i suoi libri.

Roberto Bolaño muore improvvisamente in una giornata caldissima nel luglio del 2003.

Al funerale c’erano i suoi amici, non gli scrittori famosi, ma gli amici dei bar della barceloneta, delle librerie del barrio Gotico. C’era sua moglie, la compagna di sempre.

Se ne è andato con la coerenza che solo certi uomini possono capire, se n’é andato con tutti i suoi dolori, portandosi con sé i giorni felici e le camminate lunghissime, i viaggi e i discorsi interminabili sul niente che più di tutto affascina l’essere umano.

E a pensarci adesso la vita di Bolaño può essere vista esattamente come quella dei protagonisti dei suoi libri: “Il viaggio di un uomo che fu felice e disperato, ma che non conobbe mai la noia”.

(3 di 3 parti. Fine)

The Parallel Vision ⚭ ­_ Redazione)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...