Arte

Pollock e gli “Irascibili” di New York in mostra al Vittoriano

Jackson Pollock, Mark Rothko, Willem de Kooning, Franz Kline, Arshile Gorky, Philip Guston, Adolph Gottlieb. Questi e altri eccezionali artisti contemporanei saranno in mostra al Vittoriano fino al 24 febbraio 2019 in “Pollock e la Scuola di New York” che espone circa 50 capolavori scanditi da colori vividi, armonia delle forme, soggetti e rappresentazioni che immergono gli osservatori in un contesto artistico magnifico, il cosiddetto espressionismo astratto.

Pollock e la Scuola di New York“, allestita presso l’ala Brasini del Complesso del Vittoriano, accoglie uno dei nuclei più preziosi della collezione del Whitney Museum di New York, un tempio dell’arte contemporanea fondato nel 1930 con l’intento di dare una casa a quegli artisti che non trovavano spazio altrove.

Oltre a sottolineare la grandezza di Pollock come ideale cerniera tra un’arte intesa prima e dopo il suo arrivo, l’esposizione mette in risalto l’importanza di New York come effettiva capitale del contemporaneo. Lui come Rothko, de Kooning, Kline e gli altri rappresentano dunque quella Scuola distinta da un’enorme energia e un grande carattere di rottura che fece di loro eterni e indimenticabili “Irascibili”.

All’interno di “Pollock e la Scuola di New York” troverete inoltre la mitica “Number 27“, l’enorme tela (124,6 x 269,4 cm) del 1950 che rappresenta una sorta di “Gioconda” di Pollock e simbolo dell’innovativa tecnica del dripping inventata proprio da Pollock. La tela non è più messa in verticale bensì poggiata per terra, con l’artista che girandoci intorno fa gocciolare sopra le vernici, creando texture di colori diversi.

Lo stile dell’action painting enfatizza dunque l’atto fisico della pittura stessa. La pittura d’azione, o astrazione gestuale, oppure genericamente espressionismo astratto, è innovazione, trasformazione, rottura dagli schemi e dal passato. In “Pollock” avrete modo di riscoprire non solo il fascino di tale movimento attraverso l’arte ma anche di rivivere emozioni e sentimenti propri di quegli artisti che hanno reso unica un’era della storia dell’arte.

Pollock e la Scuola di New York” è a cura di David Breslin, Carrie Springer con Luca Beatrice ed è stata prodotta e organizzata da Arthemisia in collaborazione con il Whitney Museum of American Art di New York. Il costo del biglietto è di 15 euro, ridotto 13 euro (audioguida inclusa). La mostra è aperta dal lunedì al giovedì (9.30 – 19.30), venerdì e sabato (9.30 – 22) e domenica (9.30 – 20.30).

The Parallel Vision ⚭ ­_ Redazione)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...