concorso

“Non è mica da questi particolari che si giudica un Cantautore”, via il 21 novembre al Teatro Porta Portese

Sono aperte fino a giovedì 16 novembre le iscrizioni alla seconda edizione di “Non è mica da questi particolari che si giudica un Cantautore“, il premio musicale sulla scrittura di canzoni su commissione che partirà martedì 21 novembre (ore 21) sul palco del Teatro Porta Portese.

Il concorso, ideato da Carlo Valente ed Eleonora Tosto, si articola in sette serate da dicembre a maggio, tutte ospitate da ‘Na Cosetta (Via Ettore Giovenale 54/a) al Pigneto. Durante la serata del 21 novembre verranno presentati i 10 finalisti della nuova edizione, che a partire dal 28 dicembre si sfideranno sulle tracce assegnate da grandi poeti del nostro Paese. Al momento, i contributi confermati sono quelli di Vincenzo Costantino Cinaski, Guido Catalano, Ivan Talarico e Andrea Satta dei Têtes de Bois.

banner Non è micaIl nostro è un concorso insolito” racconta Carlo Valente, assieme ad Eleonora Tosto ex studente dell’Officina Pasolini, “che ha come obiettivo riportare al centro delle canzoni le parole che ‘contano’, quelle che dovrebbero fare la differenza quando si parla di cantautori. Parliamo la lingua più bella del mondo ed è la nostra arma migliore per trasmettere emozioni autentiche, filtrate attraverso la musica. Il 21 novembre al Teatro Porta Portese racconteremo l’edizione passata e lo faremo con quelli che, con le loro canzoni, sono stati i protagonisti della prima coraggiosa edizione“.

Il vincitore di “Non è mica da questi particolari che si giudica un Cantautore” avrà l’opportunità di suonare all’interno de “La vetrina del disco” al Premio Bindi 2018, oltre a ricevere un buono sconto dal liutaio Davide Serracini. Il secondo classificato sarà ospite al MEI – Meeting degli Indipendenti 2018, mentre il terzo premio prevede un concerto retribuito al Be’er Sheva di Rieti.

logo Non è mica-1Oltre alla novità rappresentata dallo spazio di ‘Na Cosetta, l’edizione 2018 del concorso prevede anche l’introduzione di un premio del pubblico (un concerto retribuito) sempre all’interno del bistrot e live club del Pigneto e un premio per la migliore canzone, che offre una sessione di registrazione al Cubo Rosso Recording.

Una giuria di qualità composta da critici, giornalisti e addetti ai lavori (diversa per ogni serata) deciderà chi avrà accesso alla finale del 31 maggio 2018. La commissione esprimerà il proprio voto in merito a testo e attinenza alla traccia, composizione musicale e interpretazione.

Per info e iscrizioni potete scrivere a nonemicadaquestiparticolari@gmail.com, mentre il bando completo della seconda edizione di “Non è mica da questi particolari che si giudica un Cantautore” lo trovate A QUESTO LINKDimenticavo: The Parallel Vision è media partner ufficiale dell’evento 😉

The Parallel Vision ⚭ _ Paolo Gresta)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...