Festival

#LiveReport: Damian Marley al Postepay Rock in Roma

A inaugurare la stagione di Postepay Sound Rock in Roma 2017 è stato, lo scorso 23 giugno, Damian Marley, il più piccolo della stirpe di Bob Marley ma non per questo il meno agguerrito – il suo soprannome proviene dal ring ed è Jr Gong – per il terzo anno consecutivo in Italia durante le sue tournée estive.

Ha aperto il live a Capannelle Black Am I, una delle voci della nuova generazione della musica giamaicana, con le sue due hit “Da GhettoeLiving Dread”, brano che ha dato il nome al suo album di debutto, prodotto proprio da Damian Marley.

Dopo i due brani di Black Am I si è fermato il tempo. Buio sul palco. La band, statuaria, ha iniziato a suonare la marcia di “Confontantion”. Gli altoparlanti hanno mandato la registrazione di un discorso dell’ultima Maestà Imperiale Haile Salassie, morta in prigionia, seguita dalla voce di Bunny Wailer, il cantante e percussionista giamaicano, storico membro del gruppo The Wailers, mentre legge i versi di una sua poesia:

Since the beginning of modern civilization / Generations have witnessed and inherited the only conflicts of world wars / But behold the marriage supper of the lamb and the bridegroom onto his bride / Then shall the earth’s children know the true expression of one love / Then mother earth shall honeymoon in peace / Forever eliminating the aspirations, lust and anguish of wars and rumors of wars… SELAH!

Un doppio omaggio agli anni ’70: ai leggendari fondatori della scuola reggae e all’Impero d’Etiopia, due storie strettamente intrecciate. Dopodiché sono state riaccese le luci, si è ritornati sul pianeta Terra ed è partita la base di “Make it Bun Dem”.

Il terreno ha vibrato sotto i bassi ricordando a tutti che si era invece nel 2017 – precisamente al Postepay Sound Rock in Roma -, è apparso un uomo sul palco a sventolare la bandiera dell’Etiopia con il Leone di Giuda e finalmente dietro di lui – acclamatissimo – Damian Marley, che ha tuonato esclamando “Loud greetings to the world!”, il primo verso della hit dubstep realizzata in collaborazione con dj Skrillex.

Jr Gong ha poi proseguito il live dedicando interamente la prima parte alla sua discografia, con brani dal primo album come “More Justice” fino a “Medication”, l’ultimo singolo che anticipa il suo disco di prossima uscita “Stony Hill” (il release sarà esattamente il 21 luglio).

Medication” è la canzone che Damian Marley ha composto come baluardo per la liberalizzazione dell’uso medico della marijuana. Così ha raccontato introducendola al caloroso pubblico di Capannelle. Per poi, ironia della sorte, sbagliare alla seconda battuta del brano, riniziando così da capo.

Tutto è comunque scorso con naturalezza, semplicità e calore, accompagnato da due coriste e ballerine eccezionali, Sherieta Lewis e Roslyn Williams, la versione moderna delle I Threes, le tre donne che affiancavano Bob Marley nei live.

L’energia potente e sincera si è avvertita brano dopo brano, fin quando nella seconda parte della serata Damian Marley ha esortato il pubblico a tener su gli accendini, a cantare “Could you be loved”, portando all’apice la connessione della folla con “Get up stand up“, l’ultima canzone che Bob Marley cantò nel suo ultimo live allo Stanley Theater di Pittsburgh, in Pennsylvania, prima di morire a 36 anni, lasciando un’eredità musicale che vive nei suoi stessi figli.

Damian Marley ha poi chiuso con “Welcome to Jamrock“, il singolo che diede nome all’album del 2005, il brano che racconta l’inganno della politica giamaicana, la frustrazione del suo popolo, e salutato la folla con l’urlo “Jamaica Jamaica! Yo! Jamaica Jamaica! Welcome to Jamrock, Welcome to Jamrock”.

Si è così conclusa la prima serata del Postepay Sound Rock in Roma 2017, una notte dall’ottimo sound a cura di Keith Grant (omonimo del leggendario fonico dei Beatles) che ringrazio tra l’altro per essersi prodigato nel procurarmi la scaletta, lasciandomi a controllare tutta la sua attrezzatura a fine concerto mentre la andava a cercare.

Scaletta:
Sun is shining
Confontation
Bun Dem
Set up shop
More justice
Hey girls
Beautiful
Affairs
Dispear
Promised land
Medication
Mission
Love&inity
Jr gong/crazy baldhead
War/no more trouble
Move!
Sabali
Strong will continue
Could you be loved
Is this love
Get up stand up
Africa unite
Road to Zion
Jamrock

The Parallel Vision ⚭ _ Margherita Schirmacher)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...