Festival

Blast2017, la prima edizione tra startup e tech da tutto il mondo

Vuole diventare l’evento italiano più importante per l’universo del tech e per la sua prima edizione, accoglie un centinaio di startup da tutto il mondo pescate da fintech, foodtech, IoT & Industry 4.0, artificial intelligence e VR. Parlo di Blast, un ambizioso appuntamento con la tecnologia che si svolge alla Fiera di Roma da oggi e fino al 12 maggio.

Blast raduna all’interno del Padiglione 2 investitori, aziende, incubatori, acceleratori, startup e media di tutto il mondo. “Questo evento nasce dall’idea di un piano industriale sviluppato per Fiera Roma“, mi racconta Pietro Piccinetti, amministratore unico della Fiera. “Roma non poteva non avere un appuntamento come questo. Abbiamo un ecosistema importantissimo fatto di giovani e di startup e quindi era nostro dovere farlo. All’interno della settimana della digital innovation, Roma deve gridare fortissimo che ci siamo anche noi e che non esiste solo Milano“.

Tra le tante aziende presenti per la tre giorni romana ci sono Natwork, Air Gloss Project, Olab Studio, Artichalk, Prophecy, Noon Care, ADPM Drones, Bongour e molte altre, che propongono soluzioni per la gestione dei nostri contatti di lavoro, per il controllo dei livelli di inquinamento nell’aria che respiriamo, l’analisi dei big data, la prevenzione dalle frodi, alcuni metodi di trasmissione dati basati su segnali acustici e tanto altro ancora.

Le startup che partecipano a Blast 2017 sono state selezionate tra tutte quelle che hanno compilato l’application per lo Startup Program della manifestazione e avranno l’opportunità di sfidarsi nella Startup Arena per aggiudicarsi un premio di 30.000 Euro, oltre ad essere presenti all’interno dell’Exhibition Area.

Potete scoprire il programma completo di Blast collegandovi A QUESTO LINK. Inoltre, l’appuntamento prevede tanti incontri con speakers da tutto il mondo tra cui top influencers come Spiros Margaris, Ceo come Scott Arpajian e una ricca componente femminile formata da Tanya Soman, Ada Chen Rekhi, Alissa Crevier e molte altre.

Le fiere rappresentano un grande booster per l’economia“, continua Piccinettie Roma non può non avere una fiera. Assieme ai miei collaboratori, che ringrazio di cuore, stiamo sviluppando nove nuove manifestazioni a supporto dell’economia del territorio e non solo e Blast fa parte di questo progetto. Sono molto orgoglioso che il nostro evento abbia racconto qui il mondo del tech“.

The Parallel Vision  _ Redazione)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...