Cultura

“Principesse e Sfumature”, la recensione dal Roma Fringe Festival 2016

Non è tanto il fatto che “50 Sfumature di Grigio” sia uno dei libri più letti della storia accanto a Bibbia, Corano, “Il Piccolo Principe“, “Il Giovane Holden” e via dicendo.

È che Chiara Becchimanzi (Compagnia ValdradaTeatro) non ha proprio digerito i “mugugno”, “gemo”, “il sangue mi ribolle nelle vene”, “una sensazione deliziosa“, “gli ansimo in bocca” (!!!) e tutte le 548 pagine di agghiaccianti idiozie di cui è condito il romanzo della James.

E quale modo migliore di prendere a pretesto la più grande sciocchezza editoriale dell’universo per parlare di “Principesse e Sfumature – Lei, Lui & Noialtre“, il geniale spettacolo proposto da Chiara al Fringe Festival di Roma? La buona notizia è che domani sera verrà anche replicato, stavolta sul palco A, quello principale, di Villa Ada.

Il testo messo in scena ieri sera (e anche il 26 agosto) è stato una vera rivelazione. A partire dalla bravissima protagonista, unica attrice sul palco nonché regista e autrice, in grado di raccontare con le parole e col proprio corpo i luoghi comuni legati a donne, uomini, sesso, pregiudizi, imposizioni sociali latenti, desideri repressi eppure vivissimi, aspettative che quasi mai si realizzano.

Chiara costruisce un castello di parole taglienti, buffe, accuratamente pesate, giocando con l’italiano e col dialetto romano, mescolando immagini sacre e profane, passando dai racconti dell’infanzia alla prima volta, le insicurezze, le diverse umanità che ci troviamo a vivere nel frullatore dei nostri giorni.

E in cima a quel castello, sulla sua torre, c’è la principessa da far salvare al cavaliere senza macchia. O forse no. Forse sarà una guerriera coraggiosa a portare al sicuro il suo amato, spada in mano e urlo lancinante in gola, a sovvertire l’idea stessa di fiaba che si racconta da secoli.

Alla fine è questo che “Principesse e Sfumature” ti lascia: imparare il coraggio. Ad esempio di dare un nome alle cose, magari prendere da parte Anastasia Steele e farle smettere di dire “” per parlare della sua vagina, per dire.

Ecco, mentre il pubblico lacrimava dalle risate, il messaggio dello spettacolo era al tempo stesso intelligente, lucido, potente e si faceva sempre più profondo e chiaro. Io vi consiglio di non lasciarvelo sfuggire, domani sera. Comincia alle 22.15. Come dove? ““, no?

1 risposta »

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...