Arte

Edward Hopper, i capolavori dell’artista americano in mostra a Bologna

C’è chi lo ritiene un narratore di storie e chi, al contrario, l’unico che ha saputo fermare l’attimo di un panorama, come di una persona. È stato lo stesso Edward Hopper (1882-1967), uno dei più popolari e noti artisti americani del XX secolo, a chiarire la sua poetica: “Se potessi dirlo a parole, non ci sarebbe alcun motivo per dipingere”.


La mostra, che inizia oggi e durerà fino al 24 luglio 2016 a Palazzo Fava – Palazzo delle Esposizioni di Bologna, è stata prodotta e organizzata da Arthemisia Group assieme a Fondazione Carisbo e Genus Bononiae. Musei nella Città e con il Comune di Bologna e il Whitney Museum of American Art di New York. Questo evento copre praticamente tutto l’arco temporale della produzione di Edward Hopper, dagli acquerelli parigini ai paesaggi e scorci cittadini degli anni ‘50 e ‘60, attraverso circa 60 opere tra cui celebri capolavori come “South Carolina Morning” (1955), “Second Story Sunlight” (1960), “New York Interior” (1921), “Le Bistro or The Wine Shop” (1909) e “Summer Interior” (1909). Un percorso che attraversa la sua produzione e tutte le tecniche di un artista considerato oggi un grande classico della pittura del Novecento.


Grazie alla collaborazione con le istituzioni culturali cittadine, durante il periodo di mostra, saranno proposte una serie di attività correlate per omaggiare l’opera e la poetica dell’autore. Dal 7 aprile al 26 giugno 2016 l’Istituzione Bologna Musei | Museo Morandi presenterà un focus di paesaggi morandiani che dialogheranno a distanza con i lavori dell’artista americano, mettendo in evidenza analogie e differenze e soffermandosi in particolare sullo studio della luce. Sarà esposta una selezione di lavori trasversale alle tecniche utilizzate da entrambi gli artisti: dipinti, acquerelli e incisioni.


Il costo del biglietto per la mostra su Edward Hopper è di 13 Euro, ridotto 11 Euro. Palazzo Fava – Palazzo delle Esposizioni di Bologna è aperto dal lunedì alla domenica dalle 10 alle 20. Ulteriori dettagli sull’esposizione dell’artista americano sono disponibili collegandosi al sito www.mostrahopper.it.

1 risposta »

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...