Cultura Teatro

La storia di Lady D ancora in scena al Teatro Lo Spazio

La storia di Lady D in scena al Teatro Lo Spazio dal 24 al 27 febbraio

ragazza-primo-piano-camicia-viso
Annalisa Favetti

Tra gli eventi e spettacoli a Roma, oggi Parallel vi suggerisce di non lasciarvi sfuggire il nuovo appuntamento con il Teatro Lo Spazio.

La storia della celebre Lady Diana approda infatti a teatro con lo spettacolo “Lady D“, scritto da Clelia Ciammarelli e diretto da Pino Ammendola.

Lady D“, dopo le prime date dal 17 al 20 febbraio, torna sul palco del Teatro Lo Spazio dal 17 al 27 febbraio.

“Lady D”: lo spettacolo

Subito dopo l’incidente stradale sotto il tunnel del Pont De L’Alma a Parigi, dai rottami fumanti dell’auto si libra la voce di Lady D, la principessa più amata nel mondo.

In una sorta di delirio premorte Diana Spencer inizia a raccontare la sua storia, conducendo gli spettatori nel suo mondo più intimo e segreto. 

Annalisa Favetti restituisce attraverso il racconto la dolcezza, la grinta e lo strazio di Lady D.

Come donna, come essere umano che soffre, sbaglia, ma trova sempre una via per riprendersi… lo scettro della vita.

Gli spettacoli teatrali a Roma aggiungono quindi al loro calendario anche questo prezioso evento culturale, che vi consigliamo di inserire nella vostra “to do list” di appuntamenti da non mancare.

Diana Spencer, per tutti “Lady D”

Diana Spencer (Sandringham, 1º luglio 1961 – Parigi, 31 agosto 1997) è stata la moglie di Carlo, Principe del Galles ed erede al trono del Regno Unito, dal 1981 al 1996.

Figlia del del Visconte e della Viscontessa Althorp, Diana ebbe con Carlo 2 figli: il primogenito William nel 1982 ed Harry nel 1984.

Il matrimonio con Carlo avvenne mercoledì 29 luglio 1981 presso St Paul’s Cathedral alla presenza di oltre 2.000 invitati.

Le nozze furono un evento di portata mondiale: oltre 750 milioni di persone lo guardarono in tv da ogni parte del globo, mentre più di 600.000 si ammassarono per le strade di Londra per seguire il tragitto che avrebbe portato la sposa alla cattedrale.

Il mistero della morte

Dopo il divorzio da Carlo ufficializzato il 28 agosto 1996, la Principessa Diana ricevette una “buonuscita” di 17 milioni di sterline, con la classica clausola dei divorzi reali di non poter rivelare a nessuno gli accordi presi.

Diana perse il titolo di “Altezza Reale” ma in quanto madre del secondo e terzo in linea di successione al trono, mantenne i privilegi ottenuti dal matrimonio con Carlo.

Rimase inoltre in possesso dell’appartamento di Kensington Palace, dove aveva vissuto assieme al Principe del Galles.

Dopo la separazione dal marito la Principessa frequentò prima Hasnat Khan, noto cardiochirurgo di origine pakistana e poi Dodi Al-Fayed, imprenditore e produttore discografico e cinematografico egiziano.

Il 31 agosto 1997 Diana, a 36 anni, rimase vittima di un incidente automobilistico sotto il tunnel del Pont de l’Alma a Parigi, insieme ad Al-Fayed.

I 2 andarono a schiantarsi con la loro Mercedes guidata dall’autista Henri Paul contro uno dei pilastri della galleria.

Nell’impatto Dodi Al-Fayed e Paul morirono sul colpo.

La guardia del corpo di Dodi Trevor Rees-Jones rimase gravemente ferita ma sopravvisse.

Diana, liberata dalle lamiere, venne trasportata da un’ambulanza all’ospedale Pitié-Salpêtrière, ma a causa delle gravi lesioni interne verrà dichiarata morta intorno alle 4 del mattino.

Tante storie sono state raccontate intorno alle cause mai del tutto chiarite dell’incidente che ha messo fine alla vita di Lady D.

Si è parlato di complotti, verità nascoste, ipotesi di assassinio.

Così come tanti sono stati i libri e i film a lei dedicati che hanno cercato di narrare la storia di questa ragazza “tipicamente inglese“, come la definì il fratello Charles durante il discorso tenuto al suo funerale.

Una donna dalla nobiltà innata, che andava oltre le classi sociali e che ha dimostrato negli ultimi anni di non aver bisogno di un titolo reale per continuare a generare il suo particolare tipo di magia“.

Il 6 settembre 1997, giorno del funerale, per le strade di Londra si riversarono circa 3 milioni di persone e l’evento fu seguito in diretta tv da circa 2 miliardi di spettatori,

Informazioni

  • LADY D“, di Clelia Ciaramelli
  • regia Pino Ammendola
  • con Annalisa Favetti

Da giovedì 24 a domenica 27 febbraio 2022

  • Orario
  • Da giovedì a sabato ore 21
  • Domenica ore 18
  • Biglietti
  • Intero 15 euro
  • Ridotto 12 euro

Bar aperto per aperitivo dalle ore 19

  • Teatro Lo Spazio
  • Via Locri 43

The Parallel Vision ⚭ ­_ Redazione)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: