Cultura Musica

Giusto in tempo per il Rock: 30 gennaio 1969

Giusto in tempo per il Rock: 30 gennaio 1969

giusto-in-tempo-per-il-rock-orologio

Vorrei ringraziare a nome del gruppo e di noi stessi e spero che abbiamo superato l’audizione” 

John Lennon al termine del concerto improvvisato sul tetto della Apple Records il 30 gennaio 1969

È il numero 3 di Saville Row di Londra.

Se alzi la testa ci vedi gli uffici della Apple Records, una casa discografica appena fondata.

Sono le 5 del mattino, la strada è quasi completamente deserta. Il gelo dell’inverno ha ricoperto i vetri e gli specchi delle macchine.

Alcuni abbellimenti natalizi, non ancora riposti negli scatoloni in soffitta, si affacciano dalle finestre delle case a schiera.

Di sotto è parcheggiato un furgoncino con 2 ragazzi che stanno aspettando qualcuno o qualcosa mentre ascoltano la radio. Solo notizie.

Da 10 giorni Richard Nixon si è insediato alla Casa Bianca. Parole come “anticomunismo” riecheggiano in tutte le trasmissioni. I 2 sono assonnati, neppure ci badano, trasportano cavi, strumenti, amplificatori e tanto altre materiale.

Sembrerebbe che si stia organizzando qualcosa da quelle parti. Ma cosa?

Le dita sono rafferme dal gelo, ma riescono a lavorare nonostante tutto, a trasportare il materiale poco alla volta ma speditamente, a portarlo lì sul tetto della Apple Corps.

Un poliziotto che si aggira da quelle parti è sospettoso, fa domande, torna e poi va via.

Tecnici, inservienti, amministratori, manager: le persone si qualificano e si moltiplicano come in un numero di magia. Alcuni hanno un aspetto titolato, in genere sono quelli che con le mani indicano cosa fare, altri sono già stremati.

E pensare che sono solo le 10 di mattina.

Molti curiosi cominciano a fermarsi per la strada a ingombrare i marciapiedi. Cosa sta succedendo quella mattina del 30 gennaio 1969? 

“C’è qualcosa, venite, presto!”

Il vento gelido è fortissimo. In alcuni punti le folate sono talmente violente che spazzano via tutto se non c’è qualcuno lì a fermarle con teli o altri aggiustamenti.

Si fa quel che si può, anzi, si deve. Tutto deve essere perfetto.

Meglio prendere le calze di nylon per proteggere i microfoni provare e vedere se il suono così migliora.

Sì, in effetti, il sound check è perfetto, qualche sbavatura acustica dovuta all’impatto emotivo del luogo che ospiterà questo concerto, ma dio se ne vale la pena.

E in effetti siamo a quasi un’ora dall’inizio e tutto sembra essere a posto. Ancora nessuno sa cosa sta accadendo lì, su quel tetto.

Londra parla in fretta però. Le voci si moltiplicano, anche loro. Chi chiama, chi si ritrova a chiamarne altri e sempre nuovi. “C’è qualcosa, venite, presto“, si tramanda. 

Si sa che da quella porta al civico 3 di Saville Row ne passano parecchi di artisti. D’altronde quella etichetta è stata fondata dai Beatles, non da chicchessia.

Ore 12 del 30 gennaio 1969

Arrivano le 12. Finalmente.

Giù è tutto un brusio, un chiacchiericcio, un soffiarsi sulle mani per scaldarsi un po’. Ed eccoli, alcuni lo immaginavano, sì, sono i Beatles.

Indossano chi pellicce, chi completi italiani, chi giacche di pelle, hanno la barba e i capelli più lunghi di come si presentarono la prima volta sul palco.

È dura” disse John Lennon, perché il vento è amico delle scene, meno del suono che vuole comandare a tutti i costi. Forse il vento non conosce i Beatles, con loro c’è poco da discutere.

Il concerto che diventa evento del secolo

Il concerto sul tetto in pochi minuti diventa l’evento del secolo. La gente è diventata folla, il brusio iniziale urla di ammiratori e fan.

I Beatles suonano 9 canzoni del loro più famoso repertorio: “Get back” per 2 volte, “I want You (She’s So Heavy)“, “Don’t let me Down” per 2 volte, “I’ve Got a Feeling” per 2 volte, “One After 909“, “Danny Boy“, “Dig a Pony“, “God Save the Queen“.

Finché i poliziotti non decidono di intervenire per bloccare il concerto non autorizzato e che infastidisce il vicinato.

Forse non sapevano che a disturbarli era il saluto al mondo dei “quattro ragazzi di Liverpool” che a ogni passo avanti avevano fatto la storia della musica. 

The Parallel Vision ⚭ ­_ Elisa Mauro)

1 comment

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: