Arte Cultura food

B-Art, nasce il nuovo spazio tra arte e drink di Trastevere

B-Art, nasce il nuovo spazio tra arte e buon vino a Trastevere

Dall’incontro tra i giovani Gian Lorenzo Bernini (studente di storia dell’arte) e Daniel Branca (food&beverage manager) nasce B-Art, la nuova galleria d’arte di Trastevere che si propone come uno spazio ibrido in cui far convivere le proprie competenze e passioni.

B-Art si trova in Via Natale del Grande 21 e vuole essere una finestra sulla nuova generazione di artisti del panorama capitolino.

quadri-parete-colori

Il format: la short exhibition

Oltre 150 metri quadrati di spazio espositivo, alti soffitti con arcate e colonne a muro di gusto rinascimentale, con un cortile esterno e un giardino verticale di prossima inaugurazione, ospiteranno una selezione di mostre con un format innovativo: la short exhibition dalla durata di circa 72h, che vedrà alternarsi gli artisti in una sorta di staffetta, sperimentando un concetto d’esposizione intimo volto a trasformare la fruizione in sosta, accostando in ogni occasione l’opera d’arte a una selezione di vini d’eccellenza, scelti ad hoc. 

Un luogo in cui il contatto con l’opera diviene colloquiale, privato e al tempo stesso collettivo, per rinnovare l’esperienza dei caffè letterari che hanno animato il panorama culturale romano dai primi ‘900 fino agli anni ’60.

Come gli storici “Caffè Greco” e “Rosati” e i salotti di Palazzo Taverna, centro degli “Incontri internazionali d’arte” tenuti da critici, artisti e intellettuali: da Pier Paolo Pasolini ad Alberto Moravia e Giulio Carlo Argan.

Ma con una innovazione tecnologica della nostra contemporanea società digitalizzata: l’adozione di un circuito monetario interno. 

B-Art sarà, infatti, la prima attività romana a dotarsi di braccialetti elettronici che consentono di pagare in modalità contactless, rendendo più comodi e rapidi i pagamenti. 

La prima mostra: “Anabasi”

B-Art ha iniziato la sua programmazione di eventi con la mostra “Anabasi” a cura di Gian Lorenzo Bernini con testo critico di Eléna Geo Stoilova.

L’esposizione ha visto protagonisti i giovani artisti Giovanni Lo Castro (Roma, 1997) e Giorgia Grassi (Roma, 1997).

The Parallel Vision ⚭ ­_ Redazione)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: