Attualità Cultura

Lazio zona gialla, ecco le nuove regole da lunedì 26 aprile

Lazio zona gialla, ecco tutte le nuove regole da lunedì 26 aprile

Da domani, lunedì 26 aprile 2021, il Lazio torna ufficialmente in zona gialla e si allentano le restrizioni per tutti i contesti del nostro quotidiano compresi ovviamente quelli della ristorazione, dello sport e cultura.

Di seguito, tutte le novità.

lazio-zona-gialla-le-nuove-regole

Riaprono bar e ristoranti. Nessuna multa dopo le 22

Ripartono le attività di bar e ristoranti, che potranno tornare a lavorare ospitando finalmente i loro clienti, anche se soltanto ai tavolini all’aperto, sia a colazione che a pranzo e a cena.

A detta della ministra per gli affari regionali e le autonomie Mariastella Gelmini, “Chi va a cena fuori può stare tranquillamente seduto al tavolo fino alle 22 e poi, una volta uscito dal locale, far ritorno a casa senza alcun rischio di ricevere sanzioni“.

La ministra lo ha dichiarato in una recente intervista a ilmessaggero.it.

Fino alle 22 è inoltre consentita la ristorazione da asporto.

Nessun limite di tempo invece per la ristorazione con consegna a domicilio.

Si introduce un cambiamento rispetto al passato, in quanto si dà precedenza alle attività all’aperto e quindi anche alla ristorazione all’aperto, a pranzo e a cena, e alle scuole” ha ricordato il Presidente del Consiglio Mario Draghi.

Tutte le scuole di ogni ordine e grado riaprono completamente in presenza nelle zone gialle e arancione, mentre nelle zone rosse vi sono delle modalità che suddividono (la didattica) in parte in presenza e in parte a distanza“.

C’è una road map che ci accompagnerà e chiaramente monitoreremo passo dopo passo” ha sottolineato il Ministro della Salute Roberto Speranza.

Faccio qualche esempio. L’idea che abbiamo è che dal 15 maggio possano riaprire le piscine all’aperto. Altra idea è che dal primo di giugno si possano riattivare alcune attività connesse alle palestre. Ancora, dal primo di luglio possiamo immaginare attività di natura fieristica“.

Provvedimenti che riguardano tutti i settori

Si tratta di provvedimenti che riguardano – della scuola e della ristorazione abbiamo detto – musei, teatri, cinema, spettacoli, attività ed eventi sportivi, piscine, palestre, fiere, congressi, stabilimenti termali, parchi tematici, gli spostamenti che saranno consentiti tra regioni in zona gialla e con un pass, un certificato tra regioni di colore diverso” continua Draghi.

Speranza fa presente come “serietà […] impone un percorso di gradualità che ci consentirà poi anche di monitorare l’andamento. L’arma su cui contiamo, evidentemente, è la campagna di vaccinazione: ogni giorno che passa c’è un pezzetto in più di Paese che è tutelato, che ha uno scudo“.

E più questo scudo è forte, più questo scudo resiste, più siamo nelle condizioni di poter tornare a una vita diversa rispetto a quella che abbiamo vissuto negli ultimi mesi“.

Confermato coprifuoco dalle 22 alle 5

È stato confermato il coprifuoco nazionale dalle 22 di sera fino alle 5 del mattino.

Chiunque debba spostarsi all’interno di questa fascia oraria dovrà presentare un’autocertificazione in cui dichiara il motivo

Scuola: dal 70% al 100% in presenza

Per quanto riguarda la scuola, da lunedì 26 aprile le lezioni si svolgeranno nel seguente modo:

  • SERVIZI EDUCATIVI PER L’INFANZIA (ASILI NIDO), SCUOLE DELL’INFANZIA, SCUOLE ELEMENTARI, SCUOLE MEDIE: le lezioni si svolgeranno integralmente in presenza
  • SCUOLE SUPERIORI: le lezioni si svolgeranno in presenza al 70% e fino al 100% della popolazione studentesca
  • UNIVERSITÀ: le attività didattiche e curriculari saranno svolte prioritariamente in presenza secondo i piani di organizzazione della didattica e delle attività curriculari predisposti nel rispetto delle linee guida e dei protocolli di sicurezza. Riaprono anche biblioteche, sale lettura, sale studio

Spettacoli, cinema, teatri

Riaperti al pubblico gli spettacoli in teatri, cinema, sale da concerto e altri locali o spazi anche all’aperto.

Gli eventi possono essere svolti esclusivamente con posti a sedere preassegnati e a condizione che sia assicurato il rispetto della distanza di sicurezza interpersonale di almeno un metro per gli spettatori che non siano abitualmente conviventi.

La capienza massima consentita è del 50% e comunque non superiore a 500 spettatori al chiuso per ogni singola sala e a 1000 spettatori all’aperto.

Rimangono ancora sospese le attività di sale da ballo, discoteche e locali simili.

Musei e luoghi di cultura

Riaprono anche il sabato e i giorni festivi i musei e i luoghi di cultura, secondo i protocolli di sicurezza già adottati prima della chiusura.

Le visite sono disciplinate secondo le modalità indicate dai singoli siti web delle varie istituzioni culturali.

Attività sportiva

Sarà di nuovo consentita l’attività sportiva e motoria, anche di contatto.

Rimane interdetto l’uso degli spogliatoi.

Attività commerciali al dettaglio e centri commerciali

Gli esercizi commerciali rimangono aperti con i consueti orari, compresi i servizi alla persona (parrucchieri, estetisti, ecc).

Nei giorni festivi e prefestivi, nei centri commerciali restano aperti farmacie, parafarmacie, presidi sanitari, lavanderie e tintorie, punti vendita di generi alimentari, di prodotti agricoli e florovivaistici, tabacchi, edicole e librerie.

Spostamenti

Ci si può spostare all’interno della propria Regione, oltre che in entrata e in uscita dalle Regioni bianche o gialle, tra le ore 5 e le ore 22.

Rimane sempre consentito il rientro presso la propria residenza, domicilio o abitazione.

Consentito anche il rientro nelle seconde case che si trovano dentro e fuori la Regione (salvo diverse ordinanza regionali).

Per gli spostamenti verso le Regioni rosse o arancioni per motivi di salute, lavoro o necessità sarà ancora necessaria l’autocertificazione secondo le regole in vigore.

Per spostamenti dovuti ad altri motivi sarà necessaria la certificazione verde.

Tutte le riaperture

  • 15 maggio: riaprono le piscine all’aperto
  • 1 giugno: riaprono le palestre
  • 15 giugno: riaprono al pubblico le fiere
  • 1 luglio: riprendono convegni e congressi, saranno consentite le attività nei centri termali e riapriranno parchi a tema e parchi divertimento

The Parallel Vision ⚭ ­_ Redazione)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: