Cultura

Torna VĪVĂ, la scienza spiegata a bambini e ragazzi

Torna VĪVĂ, la cultura scientifica spiegata a bambini e ragazzi

Un nuovo sguardo sul mondo con le conferenze e i laboratori performativi di VĪVĂ, l’iniziativa di divulgazione scientifica per bambini e adulti 

Fino al 29 maggio andrà avanti la seconda annualità del progetto triennale VĪVĂun’iniziativa di divulgazione della cultura scientifica di Triangolo Scaleno Teatro, direzione artistica di Roberta Nicolai, che si articola in attività teoriche e attività pratiche offline e online, rivolte anche ai bambini e ai ragazzi.

Tutte le attività sono gratuite.

bambina-fenicotteri-piantine-rosa

Il progetto VĪVĂ

Obiettivo di VĪVĂ è contribuire a edificare una nuova cultura, basata sul valore dell’interconnessione tra i saperi, le competenze, le tecniche, rendendo tutti i cittadini portatori di valori contemporanei capaci di indirizzare il proprio agire a beneficio dell’ambiente – naturale e urbano – facendo propri gli strumenti offerti dalle scoperte scientifiche contemporanee che non sono e non possono essere materia a uso esclusivo degli specialisti.

Se tali scoperte vengono riconosciute come un apporto creativo necessario e vengono divulgate in maniera comprensibile a diversi livelli e, ancora di più, se tali scoperte vengono articolate e veicolate in esperienze cognitive e messe a disposizione del grande pubblico, teorie complesse possono entrare nella cultura collettiva diventando leve di trasformazione dei comportamenti e dei valori di un intero Paese, contribuendo a costruire la città del futuro.

Il progetto coinvolge in via prevalente i bambini, il motivo è semplice: la città del futuro saranno loro a costruirla.

VĪVĂ ha lo scopo di stimolare negli abitanti di Roma la consapevolezza ambientale non attraverso processi di evidenziazione di comportamenti negativi, ma tramite la riappropriazione della bellezza dell’ecosistema, valorizzandone gli aspetti unici e straordinari, ma anche minuti, quotidiani e ancora marginali.

Le conferenze

L’esposizione dei temi scientifici e teorici è affidata a 3 conferenze online.

Chiara Vigo, custode dell’arte millenaria del bisso, una fibra tessile di origine animale, una sorta di seta marina ottenuta dai filamenti che secerne la Pinna nobilis, presenta la conferenza “Camminando sul filo della memoria“.

Valerio Veneruso, artista e curatore indipendente, con l’incontro “Di specie e di spazi” affronta le nuove frontiere dell’eye contact verso un’educazione all’antispecismo, denunciando come oggi nelle città, avendo eliminato le presenze animali, tollerate solo in forme domestiche, addestrate e decorative, viviamo una nuova e più profonda solitudine di specie. 

Stefano Portelli, antropologo culturale, che da quasi 2 decenni lavora sulle città e le periferie urbane, ricostruisce le tecniche e i rituali che radicano le comunità nello spazio, permettendo di curare i rapporti tra le persone, ma anche tra le persone e il non umano, l’invisibile, l’ignoto, presenta la conferenza “La città e gli spiriti“.

I laboratori

Attraverso le attività realizzate durante il mese di maggio, il progetto consente di riappropriarsi della molteplicità delle forme viventi in esperienze condivise.

Zoographer” parte dalla complicità quotidiana e giocosa con gli altri esseri viventi, consegnando agli abitanti della Borghesiana degli schemi per disegnare animali reali o fantastici che prenderanno vita nel quartiere trasformando lo spazio pubblico.

Tessitori in erba” conduce i bambini nella raccolta di erbe solitamente riconosciute come infestanti e insegna loro a tesserle in grandi telai fatti di rami. 

Il laboratorio di fotografia “VĪVĂROMA_lab” ritrae aree verdi ai margini nella nostra città. 

Nel laboratorio tra disegno e narrazione “Lina e il canto del mare” è la biodiversità sociale e le migrazioni a diventare oggetto di rappresentazione.

Con “Animali sbagliati” la fantasia inconfondibile dell’illustratore Franco Matticchio, coinvolge i più piccoli nell’invenzione di animali mai uditi e mai visti nella realtà.

Informazioni

Il progetto è promosso da Roma Culture, è vincitore dell’Avviso Pubblico EUREKA! ROMA2020-2021-2022 curato dal Dipartimento Attività Culturali ed è realizzato in collaborazione con SIAE e con Biblioteche di Roma.

LUOGHI:

  • Biblioteca Collina della Pace – Via Bompietro 16  
  • Libreria Giufà – Via degli Aurunci 38

INFO e PRENOTAZIONI (per i LABORATORI prenotazione obbligatoria):

  • segreteria@triangoloscalenoteatro.it
  • 339 2824889

The Parallel Vision ⚭ ­_ Redazione)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: