Arte Cultura

“Hidden Histories”, all’Eur l’ultimo evento del progetto

“Hidden Histories”, all’Eur l’ultimo appuntamento del progetto

Hidden Histories” è il progetto ideato e curato da Sara Alberani e Valerio Del Baglivo appositamente pensato per la città di Roma, i suoi abitanti e i suoi visitatori.

Un festival che, attraverso una serie di appuntamenti site-specific tra cui performance, laboratori, talk e dibattiti pubblici, esplorazioni e camminate urbane recupera, rivive, racconta da prospettive critiche il patrimonio della città.

Il progetto

Roma non è il palcoscenico, lo sfondo, la cornice di “Hidden Histories” ma diventa l’essenza, la materia, il metodo.

Attraverso la voce di artisti e intellettuali contemporanei il programma offre una serie di interventi inediti che coinvolgono il pubblico in varie iniziative di apprendimento partecipato per rileggere, reinterpretare e ricodificare il patrimonio di Roma.

La finalità è quella di promuovere una riflessione storico-culturale e socio-politica di determinati luoghi simbolici della città, innescando attraverso l’arte contemporanea percorsi di immaginazione che li ricontestualizzino alla luce dei grandi cambiamenti sociali e politici in atto.

Nelle parole di Sara Alberani, curatrice del progetto: “Hidden Histories nasce durante i mesi di lockdown vissuti a Roma. Durante questa esperienza la necessità di riappropriarsi dello spazio pubblico –  in particolare del centro storico e di alcuni luoghi simbolo della città – si è fatta ancora più forte, così come il bisogno di tornare ad incontrarsi fisicamente, attraverso i nostri corpi“.

Da queste esigenze prende vita un progetto che intende il patrimonio pubblico (luoghi, monumenti, musei e collezioni) come elementi da cui partire per affrontare le urgenze del presente e per promuovere un approccio vivo e critico alle nostre archeologie, così predominanti qui a Roma“.

“Ricontestualizzare il patrimonio artistico”

“Oggi è importante riflettere sul patrimonio artistico che ci circonda per ricontestualizzarlo alla luce di grandi cambiamenti sociali/politici in atto; e la performance è il medium più adatto perché ci consente, dopo tanto isolamento, di innescare processi di apprendimento corporeo e di farlo in gruppo” sottolinea il curatore Valerio Del Baglivo.

Varie le iniziative per approfondire anche culture e comunità lasciate fuori dalla narrazione ufficiale,  stratificatesi nella babele architettonica e artistica di Roma.

L’ultimo evento di “Hidden Histories”

Sabato 14 novembre alle ore 10 si terrà “Eur(h)ope“, esplorazione del quartiere EUR con il collettivo Stalker.

A partire da piazza di Porta Capena, punto in cui sorgeva la Stele di Axum – collocata di fronte al Ministero delle Colonie (oggi sede FAO) nel 1937 in occasione dell’anniversario della Marcia su Roma, e restituita all’Etiopia nel 2002 – il collettivo Stalker propone un attraversamento a piedi attraverso i palazzi e i monumenti dell’EUR, quartiere simbolo della storia coloniale italiana.

Come criticizzare oggi l’impianto urbano di matrice fascista alla luce delle urgenze del presente e della necessità di rapportarle alle architetture e alla storia che ci circonda?

L’azione si concentra sulla messa a nudo della violenza nascosta dietro la retorica mediterranea del regime fascista, non per rimuoverne oggi le forme architettoniche, ma per ribaltarne il senso.

Il percorso

  • Ore 10 – Ritrovo a piazza di Porta Capena (FAO – fermata metro B Circo Massimo). Breve introduzione attraverso la storia della Stele di Axum
  • Ore 11 – Esplorazione del quartiere EUR a partire dalla fermata metro B EUR Magliana. I partecipanti sono invitati a utilizzare i propri mezzi di trasporto privati o pubblici nel massimo rispetto del distanziamento fisico e secondo le norme pubbliche anti Covid. Esplorazione del quartiere EUR: da metro B Magliana, Parco del Turismo, Palazzo della Civiltà Italiana, Salone delle Fontane, piazzale delle Nazioni Unite, Palazzo dei Congressi, obelisco di Marconi, Museo delle Civiltà, La Nuvola, laghetto, Archivio Centrale dello Stato
  • Ore 14 –  Conclusione presso la fermata metro B Laurentina. L’esplorazione avverrà nel rispetto delle norme anti Covid in termini di distanziamento e con l’uso di mascherine. Al raggiungimento del limite massimo di posti disponibili non sarà più possibile prenotarsi

[AGGIORNAMENTO: VISTE LE NUOVE MISURE DI CONTENIMENTO DELL’EMERGENZA EPIDEMIOLOGICA COVID-19 SULL’INTERO TERRITORIO NAZIONALE ADOTTATE DALLA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO, L’EVENTO È STATO PURTROPPO ANNULLATO].

The Parallel Vision ⚭ ­_ Redazione)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: