Musica

#Intervista: Mille-Elisa Pucci, dallo Zecchino al primo album

Si intitola "La vita le cose" il nuovo singolo di Elisa Pucci aka Mille, leader dei Moseek che si prepara alla pubblicazione del primo disco solista.

Intervista: Mille volte Elisa Pucci, dallo Zecchino d’Oro al primo album

Leader e fondatrice dei Moseek con un radioso futuro che parla del suo primo disco solista e un “oscuro” passato sul palco dello Zecchino d’Oro, Elisa Pucci ha lanciato il suo progetto Mille qualche mese fa con la pubblicazione del suo delizioso, primo singolo “Animali“.

Adesso Mille torna con “La vita le cose” (Mirai Rec), secondo capitolo di un album ancora top secret che però vedrà presto la luce.

Carismatica e con la schiena dritta sui percorsi artistici da seguire, questa giovane romana di stanza a Milano mi ha raccontato qualche dettaglio in più sulla sua storia personale e creativa, sempre “con le linee evidenti intorno alla bocca perché rido molto” e “con gli occhi bene aperti per riuscire a guardare il più possibile“.

redhead-girl-elisa-pucci-white-skin-white-red-shirt
Elisa Pucci – Mille

Mi racconti da dove nasce la tua storia artistica?

Nasce da una firma falsificata per partecipare allo Zecchino D’Oro, supportata da una curiosità e una faccia tosta che mi hanno fatto affrontare con grande coraggio la reazione di mio padre.

La scena si è replicata innumerevoli volte, contesti diversi, ma stesso temperamento, ovviamente nell’assoluta legalità!

“La vita le cose” omaggia tutte quelle piccole cose, gesti, abitudini che scandiscono le giornate e uniscono le persone. Mi racconti come nasce la canzone?

È un punto fermo per me mettere nero su bianco quello che vivo, fedelmente.

Il trasferimento da Roma a Milano ha dettato la storia di questa canzone permettendomi di tirare fuori anche ciò che mi fa male, perché forse fin troppo bello.

I 2 singoli pubblicati fino ad ora sono il preludio a un nuovo disco? Se sì, come sarà?

Animali” e “La vita le cose” sono le primi 2 di tante canzoni che usciranno e andranno a comporre il mio album d’esordio.

Esso avrà il mio aspetto, con la schiena bella dritta, perché così riesco a prendere bene fiato, con le linee evidenti intorno alla bocca perché rido molto, con gli occhi bene aperti per riuscire a guardare il più possibile.

E suonerà come un giradischi moderno.

Nel corso del tempo com’è cambiato il tuo modo di interpretare il messaggio musicale?

Si è evoluto radicalmente, facendo un ritorno alle origini.

Se ho iniziato a scrivere in inglese lo devo a mio fratello perché, condividendo la cameretta da piccoli, additava ogni mia parola in italiano delle prime canzoni, che corrispondevano ad una ricerca della femminilità, di indipendenza, di struttura.

L’inglese mi permetteva di non fargli capire ciò che mi stava accadendo, mi evitava l’imbarazzo di vivere l’adolescenza con un dito puntato.

Oggi lo sguardo degli altri mi intimorisce meno e soprattutto è il mio di sguardo a farmi meno paura.

la-vita-le-cose-mille-redhead-girl

Hai un pubblico-tipo?

Spero vivamente di no.

C’è una cosa che secondo te una musicista non deve mai fare e un’altra invece che va sempre fatta?

Un musicista, ma in generale, i “sì” e i “no” vanno sempre accompagnati da una grande aderenza con sé stessi.

Il progetto Mille vuol dire aver abbandonato i Moseek oppure viaggerà in parallelo?

Un progetto che viaggia in parallelo.

Io e Davide, il batterista dei Moseek e che mi accompagnerà anche in tour con Mille, abbiamo lavorato alle nuove cose della band, ma non abbiamo programmato uscite.

L’emergenza Covid quanto ha inciso sul tuo lavoro?

Ha cambiato un po’ la timeline delle cose, soprattutto ha inciso nel mio modo di  percepire i cambi di rotta, a volte riservano sorprese migliori dei programmi schedulati.

Parlami delle iniziative che hai in mente per i prossimi mesi

Non posso farlo! Ti dico però che siamo al secondo “capitolo” di questo mio viaggio.

Dimmi di quale canzone vai al momento particolarmente fiera e perché

Ogni volta succede con l’ultima che ho scritto. E proprio nel caso dell’ultima, s’è deciso di farla uscire prima di quanto potessi immaginare.

Mi descrivi Mille-Elisa Pucci con un accordo e con 3 parole?

Amante dei vecchi sapori in Sib Maj7.

The Parallel Vision ⚭ _ Paolo Gresta)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: