libri

#Libri: Matteo Cecchi, “Lo strippapelle”

Libri: Matteo Cecchi, “Lo strippapelle”

Oh che musica galante fanno gli spiedoni, quando son pien di tordi, salcicce o capponi!” scriveva Piero Aretino, poeta ribelle, cantore della lussuria e cultore della buona tavola.

Nelle sue opere, come in quelle di Boccaccio o di Cecco Angiolieri, appare chiaro il nesso tra comicità e gastronomia, un legame antico a cui lo scrittore fiorentino Matteo Cecchi ha dedicato oggi un libro intitolato “Lo strippapelle. Storia comica della cucina toscana“.

lo-strippapelle-storia-comica-della-cucina-toscana

Mangiare “a strippapelle”

Mangiare “a strippapelle” significa ingozzarsi, abbuffarsi fino alla sazietà e magari oltre. I grandi banchetti, con tutti i peccati di gola connessi, hanno un posto d’onore nella letteratura di ogni tempo, specialmente in quella “leggera” o giocosa che in Toscana ha avuto esempi di grande valore.

L’autore li ricorda tutti, senza trascurare citazioni e aneddoti, in una galleria che comprende il Burchiello e il Pievano Arlotto, Carlo Collodi, Giulio Piccini (in arte Jarro) e Renato Fucini, ma anche Benigni, Pieraccioni e i celebri burloni protagonisti di “Amici miei“.

Pagina dopo pagina, si succedono prose facete e poesie farsesche, storie di pappe leggendarie e di eroici pappatori, di tavernieri e ubriaconi, di sbornie, scorpacciate, del Bengodi e di Cuccagna, di epiche abbuffate e di ghiottoni da Guinness, di banchetti medievali e conviti medicei, di papi gaudenti e impenitenti crapuloni.

Buongustai più o meno famosi, uomini che, come tutti i toscani (forse non proprio tutti) hanno un sogno segreto e ce lo rivela Girolamo Bargagli nella sua “Pellegrina commedia“: “stare a tavola almeno quanto si sta a letto: e così partir la vita; la metà in mangiare, e l’altra metà in dormire“.

La Toscana comica è inesauribile, come la millenaria storia della Regione. La Toscana gastronomica è impareggiabile, come il genio dei suoi abitanti.
In “Lo strippapelle. Storia comica della cucina toscana” si parla di entrambe queste Toscane.

L’autore

Matteo Cecchi è nato nel 1976 a Firenze, dove vive e scrive romanzi, biografie, saggi storici e monografie d’arte.

Fra le sue pubblicazioni ci sono: Il bicchiere peggiore possibile (2010), Giotto. Un nuovo concetto di spazio e di realtà (2011), Non sarò mai vecchio (2013), Rossano Bettini (2015), Palazzo di Valfonda. Delizia e magnificenza (2015), Palazzo Bartolini Salimbeni. Istimatissima architettura (2015), Guida agli orrori di Firenze (2016), Firenze romantica (2016), Rosss Opera (2017), Fondazione Biagioni Borgogni (2018), Domenico Ghirlandaio. Dalla natura fatto per esser pittore (2018), Ridere (2018), Lo strippapelle (2020), Palazzo del Pegaso. Casa della Toscana (2020).


Scheda del libro

Matteo Cecchi, “Lo strippapelle. Storia comica della cucina toscana
Edizioni: Sarnus
Pagine: 120
Euro: 15,00
Codice ISBN: 978-88-563-0269-1

(© The Parallel Vision ⚭ ­_ Redazione)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: