contest

#LiveReport: “Non è mica…”, la terza serata a ‘Na Cosetta

La terza tappa di “Non è mica da questi particolari che si giudica un cantautore“, giovedì 22 febbraio a ‘Na Cosetta, ha soprattutto il merito di segnare nella scrittura degli artisti in gara e nella loro musica una forma più compiuta, un piccolo passo avanti rispetto al “pre-partita” delle prime due serate. Sarà che i ragazzi si sono smaliziati e scrollati di dosso un po’ di impaccio, sarà che la traccia di Andrea Satta dei Tetes de Bois li ha ispirati particolarmente.

In ogni caso conta il fatto che i pezzi sono apparsi più maturi e che il livello si sta alzando, com’è d’altronde naturale quando si entra a regime in un processo artistico. Non è un caso, infatti, che i cantautori con più esperienza abbiano fatto meglio dei musicisti meno esperti.

La traccia di Satta, innanzitutto. Bellissima, a mio avviso:

Suonano le sirene, la primavera è arrivata troppo presto
vuol dire che saprà tradire
tutte vite parallele
hanno arrestato la pittrice che disegnava sui muri
e ora cercano nelle case le idee che fanno paura
e tu non chiami, non chiami…

I versi sono ispirati a un episodio legato ad Alice Pasquini, in arte AliCé, famosissima street artist romana che fu denunciata dai vigili di Bologna per aver realizzato alcuni murales nella città. Dopo la denuncia, la Pasquini è stata anche condannata dal giudice. Un tema spinoso che ha a che fare con la libertà d’espressione, la censura, le tante forme miserabili di controllo e repressione.

I 10 artisti di “Non è mica da questi particolari che si giudica un cantautore” (9 a dire il vero, per il forfait di Livio Livrea) rendono bene in versi poetici e colorati i tratti turpi e beceri di un episodio troppo sconfortante per raccontarlo meramente così com’è. C’è tanto romanticismo, lucidità, malinconia, condanna nei testi dei ragazzi. Tutte cose presenti in controluce anche nei versi di Andrea.

Dalla “primavera in anticipo / per far rifiorire le parti buone di me / voglio una primavera paziente /che scaldi ciò che ancora deve crescere” di Flavia Pasqui a “senza i sogni e senza poesia / dove ci incontreremo nei giorni di marzo” di Drugo e il Complesso di Napoleone; da Alessandro Ruvio e “tutte vite parallele suonan le sirene / c’è chi canta ancora maledetta primavera dentro ai bar” a “tu non chiami ma io ascolto attentamente / a occhi chiusi la tua voce un po’ si sente” di Giulia Olivari. La giuria della serata, composta da Enrico Deregibus (testo e attinenza alla traccia), Stefano Ciuffi (composizione musicale) e Felice Liperi (interpretazione), sembra più che soddisfatta.

Marat (Marta Lucchesini), a mio parere, è quella che centra in pieno l’argomento: “suona tutto suona la città / che soffre senza avere un ritornello / che la calmi nell’ora di punta /che le chiuda gli occhi sul fascismo in centro“. E il pubblico la premia, facendole vincere la serata dopo che la giuria di qualità aveva votato un ex equo con Drugo e il Complesso di Napoleone.

L’undicesimo uomo della terza notte del contest è stata inoltre la cantautrice Priscilla Bei, mentre Francesco Anselmo ha partecipato come gradito ospite, duettando con Drugo e presentando il nuovo singolo “Salmone noir“.  Il prossimo appuntamento è per giovedì 15 marzo, sempre sul palco di ‘Na Cosetta, con una traccia del cantautore Ivan Talarico: “Tutta la voglia di andare / quando parto sparisce / e mi attraversa il mistero / ma non usa le strisce. Ho costruito una casa / mattone su incoscienza / e ho regalato al vuoto / la mia vertigine, assenza“. In giuria lo stesso Talarico, la cantante Raffaella Misiti, il musicista Simone Moscato e il sottoscritto in rappresentanza di The Parallel Vision, media partner del concorso.

Di seguito, la classifica generale del contest:

1° Le teorie di Copernico
2° Giulia Olivari
3° Marat
4° Flavia Pasqui
5° Ottobre
6° Drugo e il complesso di Napoleone
7° Alessandro Ruvio
8° Dogs Love Company
9° Giovanni Amirante
10° Livio Livrea

The Parallel Vision ⚭ _ Paolo Gresta)

Annunci

1 risposta »

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...