Live report

#LiveReport: LeSigarette a ‘Na Cosetta

È stata una serata importante, quella di sabato 20 maggio, per i ragazzi di ‘Na Cosetta. Ma anche per quelli di ‘Netichetta (lo so, non si può sentire ma morivo dalla voglia di scriverlo. Potete schifarmi come il Papa con Trump, io capisco). E infatti il locale era pieno e festante e gonfio di energia e denso di aspettative e adrenalina.

C’erano LeSigarette a suonare e a presentare in anteprima il nuovo “La Musica non serve a niente“, secondo lavoro in studio che uscirà probabilmente solo a fine anno. Per me è stata la prima volta che li ascoltavo dal vivo e, ancora meglio, da “bordo palco”. E al di là del loro saper tenere la scena da perfetti artisti che bazzicano l’ambiente da anni, la loro proposta musicale ha ampiamente superato le mie (becere) aspettative.

Davanti a me e a Tamara Casula, occhio armato di Parallel, c’erano Jacopo Dell’Abate (chitarra e voce) e Lorenzo Lemme (batteria e voce), un power duo esplosivo di punk-jazz che ha riempito la notte di ‘Na Cosetta di ritmi spezzati, cambi di velocità, giochi di specchi pulito-distorto, vuoti e pieni magistralmente (e furbamente) mescolati in un profluvio di idee vincenti.

Nei pezzi de LeSigarette, le melodie sembrano solo un pretesto per una scrittura musicale che si spinge alla deriva, fa per tornare indietro per poi schizzare in cielo come potenti flutti colorati, dando vita a spruzzi compositivi disinvolti e liberi.

La formula del duo non sarà una novità, ma a fare la differenza è la ricchezza di idee che Jacopo e Lorenzo mettono in campo, vestita di una certa classe lounge e frullata assieme a un rock robusto, che dietro la patina di istintività nasconde un messaggio ragionato e definito.

Ma LeSigarette si avventurano oltre le etichette e i generi. Ci sono germi di ska, tempi in levare e in battere, c’è rock viscerale e nervoso, ci sono dossi continui tra le frasi musicali della band, ci sono gli Zu, c’è una cover di Tricarico e un omaggio inevitabile a Chris Cornell.

C’è insomma una gamma enorme di soluzioni e LeSigarette sembrano non risparmiarsene neanche una. Se la serata di sabato doveva servire da assaggio, “La Musica non serve a niente” non promette per niente male. Ricordo che nella produzione del disco, ‘Netichetta è stata affiancata anche da Lucio Leoni e le sue Lapidarie Incisioni. Insomma, non perdeteli di vista neanche un minuto.

The Parallel Vision  _ Paolo Gresta)
(Foto: © Tamara Casula)

3 risposte »

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...