Recensione

Due donne, Cupido e una storia d’amore: “Sexy Séparé” al Teatro Euclide

Non riesco a immaginare niente di più complicato di una storia d’amore. Anzi, forse una cosa c’è: una storia d’amore tra due persone dello stesso sesso. Se poi sono due donne, davvero, persino Cupido in persona ha bisogno di prendersi 20 giorni di vacanza, a lavoro finito. “Sexy Séparé” prova a raccontare questo: la normalità del sentimento vissuto da due persone diversissime, in apparenza, che finiscono per innamorarsi nonostante più distanti non potrebbero sembrare.

Il testo di Valentina Capecci, prodotto dall’associazione culturale Luci dell’AlBa, è andato in scena fino al 19 marzo al Teatro Euclide, interpretato dalle bravissime Lucia Radicchi e Luana Morelli affiancate dal regista/Cupido Enzo Ardone. Emozionanti, intense, abilissime a caratterizzare fortemente i personaggi di Lia e Carmen, generose e preparate in ogni dettaglio: Lucia e Luana hanno regalato una grande prova artistica, credibile anche quando sembravano improvvisare e in realtà si attenevano scrupolosamente al testo. Il pubblico assisteva rapito.

sexy-separe-teatro-euclide-5La storia. Lia e Carmen sono la “pratica da sbrigare” del rappresentante di Cupido Spa, l’azienda che si occupa di far innamorare le persone. Lui stesso è consapevole dell’impresa: stavolta gli capitano due donne. Una è sofisticata, complessa, seriosa, intellettuale e snob. L’altra è verace, passionale, ha una cultura bassa e prende spesso sfondoni grammaticali. Inoltre, all’inizio fa la escort e porta a letto Lia con l’inganno, dicendo di chiamarsi Tania e facendosi poi pagare la prestazione. E Lia questa non se la dimentica.

Le due donne si ritrovano, per puro caso, coinquiline. Lia non è disposta a perdonare nulla, Carmen la vive con più serenità e prova ad ammorbidire in qualche modo la ragazza. Ma le due donne sembrano non avere nulla in comune, se non un piccolo punto di incontro rappresentato dalla recitazione. Lia infatti è una regista e autrice affermata in procinto di mettere in scena il suo nuovo spettacolo. Carmen è un’attrice… Porno. Cupido è disperato, si chiede come sia possibile che la società per cui lavora definisca “compatibili” due soggetti che sembrano su due pianeti diversi.

Eppure “Sexy Séparé” poggia proprio su questo: un lungo e complesso lavoro di smussamento di spigoli e asperità, di scoperta di dolori profondi e ancora vivissimi che, di volta in volta, l’una accoglie dell’altra e fa in qualche modo suoi, di comprensioni che nascono da una rabbia antica e da incomprensioni che sbocciano dalla paura.

Paura di affezionarsi, di mettere la propria vita nelle mani di un altro in una storia bellissima che vive di emozioni violente, annidiate in corpi fragilissimi, pronti a sciogliersi al primo abbraccio. Lia e Carmen si seducono lentamente, a modo loro. Sono due persone sole che cercano, attraverso strade diversissime, di essere ascoltate da qualcuno. E di affidarsi infine a una persona che le possa amare solo per quello che sono.

Finirà bene? Non ve lo dico. “Sexy Séparé” è però un bell’esempio di opera umana in cui passione, erotismo, delusioni e gioie, voli pindarici e rovinose cadute, sogni, pugnalate al cuore e amore purissimo convivono senza pestarsi i piedi. Lucia Radicchi e Luana Morelli, soprattutto in questo, sono state eccezionali.

The Parallel Vision ⚭ _ Paolo Gresta)

2 risposte »

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...