Live report

“Lontano da qui” faceva freddo, ma al Quirinetta Social Bar era Release Party

Fuori c’era un freddo tagliente da dire “forse domani nevica”, da tenere la zip alzata fino al naso e le mani nascoste nel piumino. Invece dentro, al Quirinetta Social Bar, il sottoterra di Roma, un pubblico accaldato, saltante e allegro circondava la band Lontano da qui al loro primo relaese party.

I Lontano da qui sono un trio che ha la base nella Capitale, con i chitarristi romani Matteo Uccella e Michele Bellanova, e il suo vertice all’Isola d’Elba, luogo d’origine della cantantautrice Elisa Castells.


Attivi dal 2012, hanno appena concluso il loro primo disco omonimo, dieci tracce racchiuse tra le foto di Giulia Fattorini, un’opera a sei mani dove sono convogliate le tre diverse sensibilità.

Sul palco, assieme al trio, Luca Bellanova alle tastiere, un compositore che ha avuto un ruolo anche nell’arrangiamento del disco, Antonio Lana alla batteria, Federico Red Carpita al basso, Susanna Di Scala (conterranea di Elisa Castells) al violino, Alessandro Balestrini alle percussioni, Massimo Caturelli al clarinetto e Giuseppe Panico alla tromba.

Ospiti speciali due cantuatori: Rosso Petrolio, voce nel brano “La barbona”, traccia insignita del premio “Dallo Stornello al Rap” da Antonello Venditti, ed Ennio Salomone, siculo, che con Elisa ha intonato Il bar giù all’angolo”.

Tutti loro sul palco-cupola del Quirinetta Social Bar hanno trascinato il pubblico in storie di affitti da pagare, di piccoli bar, di vocazioni mistiche, spaziando dal folk romano alle sonorità sudamericane, dalla musica balcanica al fado, guidati dalla voce duttile e verace di Elisa Castells.

Un canto in un nuovo dialetto che oscilla elegantemente tra toscano e romano che ha rapito tutti, fino all’inno “Social Dipendente“, il bis che ha lasciato gli ascoltatori tornare in superficie, alla paventata neve, al vento di Via Marco Minghetti.

In queste date sarà possibile ascoltare ancora in live i Lontano da qui a Roma:

– 4 febbraio al Big Star, Via Goffredo Mameli 25
– 5 febbraio a L’asino che vola in Via Antonio Coppi 12d
– 6 febbraio al Teatro Brancaccio in Via Merulana 244

The Parallel Vision ⚭ _ Margherita Schirmacher)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...