Attualità

Diritto d’autore, poche idee per difendere il lavoro degli artisti

A che punto è L’Autore…?” si sono chiesti qualche giorno fa quelli della SNAC – Sindacato Nazionale Autori e Compositori presso la sede della Biblioteca e Museo teatrale del Burcardo. L’intento era capire quanto e come i diritti degli autori fossero difesi dagli “scippi” della rete e di conseguenza, come fare a salvaguardare i proventi (pochi) derivanti dalla loro attività.

Tanti i personaggi presenti del mondo dell’industria discografica, del giornalismo e dello spettacolo. Franco Micalizzi, Amedeo Minghi, Tonino Coggio, Edoardo Vianello, Mario Lavezzi, Massimo Di Cataldo, Luigi Fontana, Massimo Cantini (Presidente dello SNAC) e moltissimi altri hanno dato vita a un dibattito acceso, non senza qualche questione controversa.

diritto-d-autore-siae-soundreef-amedeio-minghi-medium

© Giovanna Onofri

Il tema di un guadagno altamente al di sotto delle aspettative è stato quello dominante. L’attenzione si è concentrata sul mondo del web visto come una immane macchina spremisoldi, per tutti tranne che per chi la musica la scrive e la produce.

Ovviamente non si è scoperta l’acqua calda. Da quando esiste Internet, l’industria discografica classica è collassata, i dischi non si vendono e l’unica fonte certa di guadagno per un musicista (e di conseguenza per un autore) è rappresentata dall’attività live.

diritto-d-autore-siae-soundreef-massimo-di-cataldo-medium

© Giovanna Onofri

Per un artista emergente è praticamente impossibile guadagnare qualcosa attraverso le comuni piattaforme web come Spotify, Deezer o iTunes. La cosa ovviamente è diversa per le grandi star internazionali, ma di certo in confronto ai cachet richiesti per i loro concerti, anche qui non parliamo di grandissimi numeri.

Stesso discorso è stato affrontato per le radio. Alcune emittenti infatti, in chiaro conflitto d’interessi, producono artisti che poi passano sulle loro stesse frequenze, a scapito degli altri.

diritto-d-autore-siae-soundreef-una-veduta-dall-alto-della-sala-del-convegno-medium

© Giovanna Onofri

La cosa ha suscitato sdegno soprattutto in Amedeo Minghi, il quale ha proposto di dar vita a una varietà di valide e competenti web radio che comprendano però la programmazione di musica varia dedicata a canali tematici quali colonne sonore, musica strumentale, canzoni di giovani autori ed altro.

Un tema che invece lascia fortemente perplessi è quello di mantenere la SIAE come unico soggetto detentore del diritto d’autore, come è stato sottolineato più volte e da diverse voci nel corso dell’incontro. Una vera e propria follia anche solo pensarlo, nel 2016.

Da quando la concorrenza è sinonimo di pericolo, di mancanza di garanzie o di perdita di competitività? La nascita di realtà come Soundreef e simili dovrebbe solo incentivare la SIAE a migliorare e ad offrire ai propri soci condizioni più vantaggiose, invece di arroccarsi in cima alla torre cercando di salvare il salvabile e serrare le fila, facendosi domande e dandosi risposte da sola.

A QUESTO LINK trovate un documento interessante che, tra le altre cose, racchiude anche l’idea di una possibile convivenza tra SIAE e Soundreef. SNAC, Federazione Autori e SIAE stessa potrebbero trovare spunti interessanti per fare in modo che il lavoro degli autori non risulti vacuo e infruttuoso, bensì utile a tutti, soprattutto a sé stessi.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...