Arte Cultura Mostre

“Art makes you travel again”, la collettiva da Rosso20sette

“Art makes you travel again”, parte la collettiva da Rosso20sette

Sabato 23 ottobre 2021 Rosso20sette arte contemporanea presenta la mostra “Art makes you travel again“, a cura di Edoardo Marcenaro.

In mostra oltre 30 opere realizzate su mappe, cartine geografiche, carte d’imbarco e mappamondi da: 

  • Dina Saadi
  • Polar Bear
  • Laika
  • Daniel Eime
  • Alessandra Carloni
  • Marco Rèa
  • Luogo Comune
  • About Ponny
  • Nicola Alessandrini
  • Emmeu
  • Ligama
  • Daniele Tozzi

Tra le mostre a Roma di più ampio interesse che stanno per arrivare nella Capitale, “Art makes you travel again” è sicuramente un appuntamento da non mancare.

banana-mappa-cartina-gondoliere-remo-venezia
About Ponny, Venezia, tecnica mista su carta geografica

“Più voglia di viaggiare che di trovare il vero amore”

[…] dopo più di un anno e mezzo di ‘fermo’ i sondaggi hanno dimostrato che la voglia di tornare a viaggiare è più forte di quella di trovare il vero amore” si legge nel testo critico di Edoardo Marcenaro.

[…] Pensando che (forse) anche gli street artist avevano qualche limitazione a lavorare in giro per il mondo, è iniziata la collezione di atlanti, cartine geografiche e mappamondi, su cui poter continuare a viaggiare durante i momenti di pausa tra le varie riunioni, incontri, caffè e aperitivi online […]“.

Una follia? Non lo so, ma così è nata l’idea di ‘Art makes you travel again‘: il lavoro su mappe, cartine geografiche e cartine geografiche di dodici artisti nella mostra di ‘Rosso20Sette Arte Contemporanea‘ […]“.

Gli artisti in mostra

Partiamo dalla mappa della Palestina di Dina Saadi, con le parti in rosso del ritratto della donna (sua grande amica) che rappresentano le aree che i palestinesi hanno dovuto abbandonare in seguito dell’insediamento israeliano“.

Per passare alle carte d’imbarco di Laika ispirate al cinema (la compagnia aerea Qantas che ‘never crashed’)“.

Nonché alla situazione attuale delle donne afghane che cercano di salire sui voli della Turkish Airline per lasciare il Paese“. 

E poi il dittico di About Ponny sulle mappe di Africa e Australia che rappresentano ‘voglia di evasione, partenza per luoghi inesplorati, lontani. Anche con mezzi di fortuna, importante è ripartire dopo mesi di reclusione (..) nella realtà? Per lo meno nella nostra fantasia’ (citando le parole dell’artista)“.

Fino ad arrivare alla sua gondola veneziana che rappresenta la soluzione di spostarsi ‘green’ su una banana matura: ‘se non sei green non pass’…“.

Una citazione alla copertina realizzata da Andy Warhol nel 1967 per il primo mitico album dei Velvet Underground o ancora prima un gentile omaggio alla sede della Biennale dal 1895?

Marco Rea ci porta in Giappone con la sua opera ‘Mono no aware‘, concetto estetico nipponico ‘che esprime una forte partecipazione emotiva nei confronti della bellezza della natura e della vita umana, con conseguente nostalgia legata al suo incessante mutamento’“.

E dal Giappone passa al confine tra Messico e Stati Uniti con la sua altra opera ‘Linea verde‘, il verde del dollaro americano che ‘fa la differenza’ tra i 2 Paesi“.

Emmeu interviene sulle mappe con le sue figure geometriche astratte che sembrano dare alla carta geografica una vera e propria dimensione tridimensionale“.

Luogo Comune raffigura lo scioglimento dei ghiacciai sulla mappa del Cile, il predominio economico della Cina, il coccodrillo che sovrasta la città di New York“.

PolarBear manifesta la sua preoccupazione per il tema ambientale con i 2 cetacei in Oceania che implorano ‘Don’t make us history“.

Mentre Alessandra Carloni dipinge i suoi ‘racconti onirici’, a partire dal romanzo di Moby Dick, qui trasposto in chiave ludica e surreale, essendo ambientato nel New Bedford, Nantucket nell’Oceano Atlantico“. 

The Blue Crane‘ di Daniele Tozzi riporta sulla cartina del Sud Africa la bellissima frase di Nelson MandelaEducation is the most powerful weapon which you can use to change the world‘ e lo stesso Tozzi realizza ‘One World one word‘ in cui ogni continente è descritto da una parola ripetuta come trama visiva sul globo terrestre. […]”.


INFO MOSTRA

– Titolo:
Art makes you travel again

– A cura di:
Edoardo Marcenaro

– Dove:
Rosso20sette arte contemporanea
Via del Sudario 39

– Opening:
Sabato 23 ottobre in orario 11-20

– Durata:
Fino al 23 dicembre 2021

– Orario visita:
Dal martedì al sabato in orario 11-19.30. Domenica su appuntamento

– Biglietti:
Ingresso libero

– Info:
info@rosso27.com

(© The Parallel Vision ⚭ ­_ Redazione)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: