Cultura libri

Franceschini: “Libri sono beni essenziali e irrinunciabili”

Dario Franceschini: “I libri sono beni essenziali e irrinunciabili”

“Libri sono beni essenziali e irrinunciabili, sostegno alla filiera continuerà”

Dario Franceschini

I libri e la lettura sono beni essenziali e irrinunciabili e credo che il dato sulla crescita della vendita di libri a cui abbiamo assistito nell’ultimo anno non sia episodico ma strutturale“.

Così il Ministro della Cultura Dario Franceschini nel corso del suo intervento all’evento online organizzato dal Cepell, “Voltare pagina. Idee, riflessioni e strategie per la ripartenza dopo la pandemia“, in occasione della presentazione del Libro bianco sulla lettura e i consumi culturali in Italia (2020-2021).

Anche perché questa crescita non è comune a tutti i Paesi ma è una particolarità italiana”.

libri-scaffali-lampadina-books
Photo by Janko Ferlic on Pexels.com

Il libro

Il volume, realizzato dal Centro per il libro e la lettura in collaborazione con AIE, editori italiani e Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato traccia un bilancio degli ultimi mesi e ragiona sugli scenari futuri del settore. 

Continueremo a sostenere il libro – ha aggiunto il Ministro – lo abbiamo fatto durante l’emergenza con risorse significative per l’intera filiera e abbiamo ottenuto una misura che ha un importante valore materiale e di filosofia e cioè che anche nelle zone rosse le librerie sono rimaste aperte come gli altri servizi essenziali“.

È un riconoscimento che ha avuto effetti positivi in termini di vendita e che ha dato un messaggio molto chiaro al Paese: il libro e la lettura sono beni essenziali, irrinunciabili”.  

“30 milioni alle biblioteche per acquisto da librerie del territorio”

Contemporaneamente – ha continuato il Ministro – abbiamo introdotto una norma nuova, apprezzata anche nel resto d’Europa, che ha previsto 30 milioni di euro per l’acquisto di libri da parte delle biblioteche statali vincolando gli acquisti dalle librerie del territorio“.

È una norma che fa comprendere che si tratta della stessa filiera e che vorrei non restasse legata soltanto all’emergenza“.

Infine – ha concluso Franceschiniabbiamo insediato al Ministero il tavolo per scrivere entro la fine della legislatura una legge, che si integra su quelle già approvate e già in vigore, per aiutare il libro e tutta le professionalità della filiera, come avviene nel cinema”.

The Parallel Vision ⚭ ­_ Redazione)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

<span>%d</span> blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: