Cultura

Via a Casa delle Viole, nuovo cohousing per persone anziane

Al via la “Casa delle Viole”, il nuovo cohousing per persone anziane

Ha aperto le porte ai primi ospiti “Casa delle Viole”, il nuovo cohousing per persone anziane inaugurato dall’Amministrazione in zona Monteverde in un immobile confiscato alla criminalità organizzata.

Il cohousing ha stanze con 6 posti letto e valorizza gli spazi comuni, come salotto, cucina e terrazzo, che vengono vissuti in condivisione dagli ospiti.

fiori-quadro-cornice

Lo spazio predisposto all’accoglienza

L’appartamento è stato riadattato negli spazi dal Dipartimento Politiche Sociali di Roma Capitale.

L’arredamento delle stanze è stato finanziato con fondi PON Metro, che contribuiscono insieme a fondi dell’Amministrazione Capitolina alla gestione del servizio.

Gli ingressi degli ospiti sono stati condotti a partire dal 22 dicembre, nel rispetto della normativa per la prevenzione del contagio da Covid-19, con sanificazione di tutti gli ambienti e screening sanitario prima dell’accoglienza.

“Superare la logica delle case di riposo”

Abbiamo tenuto ad aprire prima di Natale le porte di questo nuovo cohousing, perché volevamo fortemente che gli ospiti potessero passare qui, nella loro nuova casa, questo momento speciale” dichiara la sindaca di Roma Virginia Raggi.

I cohousing sono le forme di ospitalità su cui stiamo puntando, perché superano la logica delle grandi dimensioni delle case di riposo a favore di appartamenti da condividere in un contesto di nuova ‘famiglia’, con l’obiettivo di valorizzare le caratteristiche personali delle persone anziane”.

Nuove forme di ospitalità

L’Amministrazione ha strutturato un programma di potenziamento e riarticolazione della capacità di accoglienza del Comune attraverso residenze di piccole dimensioni, riorganizzando il sistema di residenzialità per le persone anziane in stato di bisogno.

Il progetto comprende sia l’apertura di nuovi cohousing e comunità alloggio che, parallelamente, la ristrutturazione delle Case di Riposo di Roma Capitale con nuove forme di residenzialità, come cohousing e miniappartamenti sempre monitorati dagli operatori.

L’obiettivo finale è migliorare la qualità della vita delle persone anziane, rafforzando un modello di ospitalità basato sull’invecchiamento attivo che promuova l’autodeterminazione e la valorizzazione delle risorse personali, potenziare la flessibilità organizzativa con strutture di piccole dimensioni collegate ai servizi territoriali e nel contesto urbano e ottimizzare i costi delle strutture.

“La persona al centro dei servizi”

“Già ad agosto abbiamo aperto ‘Casa Gaia’, un cohousing in zona Torre Gaia, e altri appartamenti sono attualmente in cantiere in tutta la città, alcuni con lavori in corso e altri più prossimi all’apertura” dichiara l’assessora alla Persona, Scuola e Comunità Solidale di Roma Capitale Veronica Mammì.

Stiamo agendo in questa direzione per tutti i settori dell’accoglienza“.

Apriamo cohousing e progetti di semiautonomia in residenze di piccole dimensioni anche per sostenere le persone senza dimora, stimolando il reinserimento sociale e lavorativo, per accompagnare i neomaggiorenni che escono dalle nostre case famiglia verso percorsi formativi e lavorativi, per ospitare donne vittime di violenza insieme ai loro bambini fino alla riconquista dell’indipendenza e dell’autonomia“.

La persona torna al centro dei servizi che Roma offre”.

The Parallel Vision ⚭ ­_ Redazione)

2 commenti

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: