Cultura food

24esima colletta alimentare, la spesa si fa con la card

24esima giornata della colletta alimentare, la spesa si fa con la card

L’iniziativa storica del Banco Alimentare vedrà quest’anno una Colletta “dematerializzata”: dal 21 novembre all’8 dicembre si potranno acquistare alle casse dei supermercati card da 2, 5 e 10 euro che saranno trasformate in cibo per le tante persone in difficoltà.

Cambia la forma ma non la sostanza della 24esima Giornata Nazionale della Colletta Alimentare.

A fine Colletta il valore complessivo di tutte le card acquistate sarà convertito in cibo non deperibile come pelati, legumi, alimenti per l’infanzia, olio, pesce e carne in scatola e altri prodotti che servono maggiormente.

Tutto sarà consegnato alle sedi regionali del Banco Alimentare e verrà distribuito con le consuete modalità alle circa 8mila strutture caritative convenzionate che sostengono oltre 2.100.000 di persone: nel Lazio oltre 450 strutture che aiutano più di 100mila persone.

banco-alimentare-colletta-card-mano

Card al posto degli scatoloni

Le card prendono quindi il posto degli scatoloni e diventano i “contenitori” della spesa.

Una spesa che quest’anno non può più essere donata fisicamente, per ragioni di sicurezza sanitaria.

Il passaggio di beni di mano in mano sarebbe troppo rischioso.

La storica iniziativa del Banco Alimentare oltre ad essere “dematerializzata” non si esaurirà in una sola giornata, ma per 18 giorni (dal 21 novembre all’8 dicembre) le card saranno in distribuzione nei punti vendita che aderiranno alla Colletta e potranno essere acquistate online sul sito mygiftcard.it, dove sono già disponibili.

L’elenco dei punti vendita che aderiscono alla Colletta Alimentare 2020 saranno pubblicati sul sito collettaalimentare.it.

“Il bisogno alimentare cresce di pari passo con il crescere della crisi sanitaria che ogni giorno di più si manifesta come crisi sociale ed economica” afferma Giovanni Bruno, presidente della Fondazione Banco Alimentare Onlus.

Banco Alimentare ha reagito in questi mesi cercando di incrementare di giorno in giorno lo sforzo organizzativo messo in campo. Purtroppo col passare del tempo cresce anche il timore, lo smarrimento e per molti il rischio di rinchiudersi in sé stessi“.

“Cresce la domanda di aiuto tra le famiglie”

” I mesi trascorsi – dichiara Giuliano Visconti, Presidente del Banco Alimentare del Lazio – hanno visto la nostra realtà confrontarsi con l’emergenza Covid-19“.

Tra le famiglie è cresciuta una grande domanda di un aiuto. Purtroppo le previsioni future fanno temere il peggio ma siamo decisi a portare avanti con ancora più determinazione la nostra opera di solidarietà. Abbiamo bisogno del contributo di tutti“.

Più di 41mila tonnellate di cibo raccolte in 5 anni

Negli ultimi 5 anni con la Giornata Nazionale della Colletta Alimentare sono state raccolte 41.628 tonnellate di cibo che si sono tramutate in 83.256.082 pasti per persone bisognose. 

La Colletta Alimentare, gesto con il quale la Fondazione Banco Alimentare aderisce alla Giornata Mondiale dei Poveri 2020 indetta da Papa Francesco, è resa possibile grazie alla collaborazione di volontari aderenti all’Associazione Nazionale Alpini, all’Associazione Nazionale Bersaglieri, alla Società San Vincenzo De Paoli, alla Compagnia delle Opere Sociali e altre associazioni caritative.

The Parallel Vision ⚭ ­_ Redazione)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: