Teatro

L’omaggio a Federico Fellini: dal Margutta al Teatro Lo Spazio

Il 20 gennaio del 1920, ormai 100 anni fa, nasceva a Rimini il grande Federico Fellini. Regista, sceneggiatore, fumettista e scrittore italiano, è considerato uno dei maggiori nomi della storia del cinema mondiale. Nell’arco di quasi 40 anni, da “Lo sceicco bianco” del 1952 a “La voce della Luna” del 1990, ha collezionato 4 Oscar per la categoria “miglior film straniero”, esattamente per “La strada“, “Le notti di Cabiria“, “” e “Amarcord“, mentre nel 1993 gli è stato conferito quello alla carriera. I titoli dei suoi più celebri film, tra cui anche “I vitelloni“, “La dolce vita” e “Roma“, sono diventati famosi in tutto il mondo.

Proprio per questo partirà dalla Capitale, la sua città d’adozione che tanto ha amato, in cui si trasferì nel 1939 per cercare di intraprendere la professione giornalistica e in cui morì nel 1993, un delicato, toccante e ironico omaggio teatrale.
81181723_2881948825169877_2811791874669412352_oMartedì 21 gennaio alle 21, presso il Teatro Lo Spazio (Via Locri 42) andrà in scena “In viaggio con Fellini – Note, ricordi, sue fantasie“, in cui l’attore e regista Francesco Sala interpreta Federico Fellini che racconta di sé e della sua immortale arte. Accanto a lui ci saranno la cantante Raffaela Siniscalchi, il maestro Antonio Nasca al pianoforte e il contributo artistico di Brivido Pop, all’anagrafe Marco Innocenti. Il biglietto intero è di 12 euro, ridotti 9.

Lo spettacolo teatrale ha mosso i suoi primi passi presso il ristorante vegetariano Il Margutta Veggy Food & Art (Via Margutta 118), che ne ospiterà il 16 gennaio una presentazione esclusiva. Nel tempio del gusto green, 5 anni fa, andò infatti in scena “Sotto casa di Federico – Omaggio a Fellini”, una “cena teatrale” organizzata e fortemente voluta dalla titolare del Margutta Tina Vannini, da cui lo spettacolo del 2020 si è ispirato.

Federico Fellini, quindi, torna nuovamente nella “sua” Via Margutta, a pochi metri dalla storica casa e da quella targa, troppo poco conosciuta, che lo commemora.

The Parallel Vision  ­_ Redazione)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...