Musica

Le musiche di Thom Yorke e Philip Glass protagoniste all’Auditorium

Si intitola “Don’t Fear The Light” il prezioso progetto firmato dal Minimalist dream house quartet che domenica 10 novembre, in prima nazionale, arriverà sul palco dell’Auditorium Parco della Musica nell’ambito di Romaeuropa Festival 2019.

Si tratta di un evento unico e imperdibile per tutti gli amanti della grande musica, della sperimentazione e della contaminazione. “Don’t Fear The Light” infatti proporrà al pubblico dell’Auditorium l’esecuzione della prima composizione classica di Thom Yorke, le prime mondiali di Bryce Dessner e David Chalmin e le musiche di Steve Reich, Philip Glass e Timo Andres.

Il Minimalist dream house quartet è una combo formidabile formata da Bryce Dessner (fondatore dei The National), le pianiste di fama mondiale Katia e Marielle Labèque e David Chalmin, producer dal talento versatile e prolifico che spazia dalla musica classica alle avanguardie. Insieme offriranno uno show del tutto inedito nel nostro Paese, la cui idea parte da lontano.
Minimalist dream house quartet- lowIl progetto è nato nel 2011, quando ci hanno chiesto di gestire un piccolo festival al Kings Place di Londra: ’50 Years of Minimalism”, racconta Katia Labéque. “Abbiamo cominciato a mettere insieme un repertorio che ispirasse confronti tra i compositori minimalisti, a cui abbiamo aggiunto negli anni una seconda parte per includere le nuove generazioni: Dessner, Chalmin fino al giovane Timo Andres, per far capire al pubblico l’enorme influenza che la tendenza minimalista ha avuto anche su altri tipi di musica, dal rock all’elettronica”.

Il programma della serata prevede l’esecuzione di “Electric Counterpoint” di Steve Reich e “Four movements” di Philip Glass, oltre ai nuovi lavori di Timo Andres, Bryce Dessner e David Chalmin. Cuore dell’evento sarà la prima esecuzione nazionale di “Don’t Fear The Light“, la prima composizione classica di Thom Yorke, leader dei Radioehad, scritta appositamente per Katia e Marielle Labèque: un’orchestrazione in 3 parti per 2 pianoforti, strumenti elettronici e un synth modulare che dà il titolo al concerto. Inoltre sarà presentata in prima mondiale anche una nuova versione di “El Chan” di Bryce Dessner con chitarre ed elettronica.

Don’t Fear The Light” è stato co-realizzato da Romaeuropa Festival assieme a Fondazione Musica per Roma e Accademia Nazionale di Santa Cecilia. Il concerto inizierà alle 21 in Sala Santa Cecilia. Ingresso: da 19 a 50 euro.

PROGRAMMA

– Timo ANDRES
Out of shape 5’
(prima esecuzione italiana)
– Steve REICH
Electric Counterpoint 15’
– Philip GLASS
Four movements 25’
– Bryce DESSNER
El Chan 15’38 (prima mondiale della nuova versione con chitarre ed elettronica)
– Thom YORKE
Don’t Fear The Light 16’
(prima esecuzione italiana)
– David CHALMIN
Particule no 5 – Particule no 6 –
extraits de Sept Particules 8’
(prima esecuzione italiana)
Distant Places 5’
– Bryce DESSNER
Haven 8’ (prima esecuzione italiana)

The Parallel Vision  ­_ Redazione)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...