Intervista

#Intervista: I KuTso presentano “Che effetto fa” stasera da Largo

Stasera i KuTso di Matteo Gabbianelli presenteranno il nuovo singolo “Che effetto fa” sul palco di Largo Venue (Via Biordo Michelotti 2, zona Largo Preneste) all’interno della finale di It’s Up 2U, una serata che vi darà un assaggio del nuovo disco in uscita per il prossimo autunno.
Ho colto l’occasione per scambiare due chiacchiere con il cantante romano che mi ha raccontato qualcosa in più sul making of del video, sul suo significato, sulla nuova lineup del gruppo e anche sul concerto del Primo Maggio.

FOTO-kutso_web

(Foto: Matteo Casilli)

Matteo, “Che effetto fa” anticipa il vostro nuovo lavoro in uscita a settembre. Mi racconti intanto la realizzazione di questo video e la scelta del luogo particolare dove è stato girato?
Con il regista Davide Bastolla abbiamo scritto una sceneggiatura che richiamasse il testo del brano, cercando di non diventare didascalici. Dunque nelle immagini assistiamo alla metamorfosi del protagonista (me stesso) che da borghese depresso e stanco di una vita formale ed edulcorata si trasforma in un essere surreale, colorato e totalmente fuori contesto, allegoria dell’inconscio che viene finalmente lasciato libero di esprimersi svincolato dalle catene di un rapporto d’amore ipocrita e di comodo. Il video è stato girato a Palazzo Chigi di Ariccia, una location belissima, dove Luchino Visconti girò il suo “Gattopardo”, che si sposava perfettamente con l’idea di freddo benessere alienante di cui avevamo bisogno.

Perché avete scelto questo pezzo come presentazione del nuovo disco?
Perché ha un bel riff vocale, che ti rimane in testa, abbinato ad un testo schietto e ad una musicalità molto ritmata e incalzante.

kutso-matteo-gabbianelli-largo-roma-2018-1Al Largo, oggi, proietterete anche una versione alternativa del video. Mi puoi dare qualche piccola anticipazione?
Nella versione web abbiamo tolto una ripresa aerea iniziale molto cinematografica che potrete gustare al Largo Venue.

“Che effetto fa” è anche il titolo del nuovo album e ho letto che segna una svolta nel vostro suono, oltre che nella lineup.
Essenzialmente è una domanda che mi ronza in testa da almeno un paio d’anni. In passato sono stato sempre molto sicuro di me, convinto che il mio modo di esprimermi fosse chiaro e comprensibile, ma negli ultimi tempi mi sono arrivati così tanti feedback discordanti sulla mia musica, che il dubbio di non riuscire ad esprimere puntualmente ciò che mi porto dentro si è fatto strada in me prepotentemente, tanto da spingermi a chiedere al pubblico “che effetto fa” l’ascolto delle mie canzoni. Non ho però inserito il punto interrogativo nel titolo, perché nel momento in cui pongo questa domanda, la risposta è già insita nella musica stessa, quindi “che effetto fa” ha doppia valenza di domanda e affermazione.

A te che effetto fa essere arrivato al terzo album? Si dice che quello più complicato sia il secondo, in realtà…
Per me è come se fosse il primo album di questa band completamente rinnovata nel sound e nei componenti, quindi mi sento come un ragazzino al debutto: emozionato e spavaldo allo stesso tempo.

Sei soddisfatto degli artisti scelti per il concerto del Primo Maggio?
Assolutamente sì, ci siamo lamentati per anni che non ci fosse meritocrazia in questi eventi ufficiali… Ecco, quest’anno abbiamo avuto tutti o quasi, i numeri uno dell’indie italiano sullo stesso palco, sembrava di stare a Taranto 🙂 🙂

Fai una promessa al pubblico del Largo per stasera!
Vi sfondiamo le orecchie.

The Parallel Vision ⚭ _ Paolo Gresta)

Annunci

1 risposta »

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...