Recensione

#Recensione: “Il ritorno a casa” al Teatro Tordinona

Potremmo definirlo il teatro dell’assurdo oppure, come suggerito da altri, il teatro della minaccia. Comunque si scelga di nominarlo, “Il ritorno a casa” di Harold Pinter è una commedia nella quale si amalgamano perfettamente sarcasmo ed ironia, dramma e finzione, testi e sottotesti.

Portato in scena fino allo scorso 31 marzo al Teatro Tordinona lo spettacolo, per l’occasione, ha goduto della regia di Carlo Lizzani e della produzione di Attori & Tecnici del Teatro Vittoria. La giovane compagnia guidata da Carlo Lizzani ha brillantemente superato un esame difficile quanto intrigante: misurarsi con la drammaturgia di colui che possiamo definire un vero fuoriclasse.

il-ritorno-a-casa-1-1Harold Pinter in questa commedia a tratti surreale sfida lo spettatore a vivere un costante disagio sociale ed emotivo. Ne “Il ritorno a casa” la trama è semplice: c’è una casa grande e una famiglia composta da soli maschi: il capostipite, suo fratello e due figli. La quotidiana routine viene interrotta quando il terzo figlio torna a casa per presentare la giovane moglie al resto della famiglia.

Da quell’istante il logico lascia spazio all’illogico. Da quell’istante la genialità del drammaturgo britannico svela al pubblico il segreto per guardare dentro le cose spogliandole dell’apparenza. L’unica donna protagonista diverrà, da angelo del focolare, una scintilla infuocata in grado di (s)travolgere ordine, tempo e progetti.

“Chi sa troppo non sa nulla”

Vittorio Caffè, Mario Ive, Valerio Ribeca, Marco Sicari e Debora Troiani sono attori che muovono ne “Il ritorno a casa” i primi passi significativi sul palco. Eppure, a loro va il merito di aver saputo comunicare padronanza del testo e veicolare il suo difficile significato. Guidati dall’attenta regia di Carlo Lizzani, a sua volta bravissimo interprete della piéce, tutta la compagnia ha brillantemente sostenuto due ore di spettacolo curandone il ritmo e la giusta dose di suspense.

I movimenti coreografici ideati da Cristina Pensiero si sono rivelati particolarmente interessanti e hanno sottolineato con efficacia i passaggi più complessi fra l’equilibrio intellettuale e la follia emotiva del testo rappresentato.

il-ritorno-a-casa-2-1Cosa possiamo giudicare socialmente accettabile? Chi può permettersi di vivere nel passato? È assurdo quello che vediamo o piuttosto quello che decidiamo di non vedere? “Il ritorno a casa” suddivide queste riflessioni in due tempi distinti: nella prima parte tutti i protagonisti maschili coinvolti incarnano emozioni e suggestioni chiaramente riconoscibili. Nella seconda parte la variabile indipendente femminile che si intromette diviene la scusa per dimostrare come ogni equilibrio sia figlio di compromessi.

Il compromesso è per definizione un accordo per cui ciascuno delle parti rinuncia a qualcosa. “Non siate rigidi“, sembra esortarci Harold Pinter. Dobbiamo tutti qualcosa, ai compromessi. I più coraggiosi ne pagano il debito e colgono la felicità negli attimi di libertà concessi fra una contrattazione e la successiva.

29214488_1201817723286986_2155786173393877741_nÈ davvero interessante quando giovani attori vengono messi in grado di mostrare passione e serietà professionale e per questo il lavoro sostenuto da Carlo Lizzani e da Attori & Tecnici ne “Il ritorno a casa” assume in questa occasione una valenza culturale che va ben oltre lo spettacolo proposto. Andare a teatro e sostenere anche le realtà emergenti è la strada maestra per costruire una responsabilità critica ed estetica sana e consapevole.

The Parallel Vision ⚭ ­_ Raffaella Ceres)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...