Arte Mostre

“Fece di scoltura di legname e colorì”, la scultura lignea agli Uffizi

La Galleria degli Uffizi di Firenze ospiterà a partire da domani un affascinante evento legato alla scultura nella città del Giglio. “Fece di scoltura di legname e colorì – La scultura del Quattrocento in legno dipinto a Firenze” sarà presentata oggi alle 12 e rimarrà aperta fino al prossimo 28 agosto ospitando un’esposizione temporanea che si propone per la prima volta d’indagare, attraverso un nucleo di circa quaranta opere, la vicenda della scultura in legno dipinto del Quattrocento fiorentino, un tema studiato con passione da Margrit Lisner e da Alessandro Parronchi, ma mai illustrato in una mostra.

Fece-di-scoltura-1
Michelozzo, Crocifisso, legno dipinto

Nel Quattrocento la scultura dipinta, in linea col primato artistico della scultura, costituì un imprescindibile modello per tutti gli artisti. Infatti, un tema come quello del corpo sofferente sulla croce espresso con un nuovo naturalismo nei crocifissi di Donatello e Brunelleschi fu oggetto di riferimento per l’espressione artistica delle successive generazioni. Per tutta la prima metà del Quattrocento la scultura dipinta – lignea, in marmo o in terracotta – fu l’espressione del primato artistico della scultura.

Fece-di-scoltura-3
Don Romualdo e Neri di Bicci, Maddalena, legno dipinto

Nella mostra saranno indagate anche le presenze di maestri stranieri attivi a Firenze, come il misterioso Giovanni teutonico, un artista itinerante, autore in città di alcuni lavori tra i quali un crocifisso in Sant’Jacopo Soprarno. Il commento del Vasari al San Rocco di “Ianni Franzese” all’Annunziata, oggi riferito allo scultore tedesco Veit Stoss, sintetizza il suo pensiero sulla scultura lignea. Vasari apprezza la statua “senza alcuna coperta di colore“. Nella cultura classicista della quale era prestigioso esponente, il colore, nella scultura, veniva ormai percepito come il retaggio di un favoloso passato. I colori, sentenziò, in pieno Cinquecento, l’erudito Borghini, “non sono degli scultori“. Oggi che siamo sensibili verso i valori espressivi della scultura in legno dipinto, nessuno condividerebbe un giudizio simile.


Fece di scoltura di legname e colorì” è curata da Alfredo Bellandi, così come il catalogo edito da Giunti ed è promossa dal Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo con la Galleria degli Uffizi. Il costo del biglietto è di 8 Euro. La mostra sarà aperta da martedì a domenica dalle 8.15 alle 18.50, chiusa il lunedì. Ulteriori dettagli sull’evento sono disponibili collegandosi al sito www.polomuseale.firenze.it.

1 comment

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: