Cinema

Si chiude oggi “Kiss Me Deadly” a Campobasso. L’intervista a Katiuscia Magliarisi, protagonista di “Doppelgänger – Chi cammina al tuo fianco”

Stasera si conclude “Kiss Me Deadly“, la prima kermesse interamente dedicata al noir iniziata a Campobasso lo scorso 18 agosto.

Dopo il nostro servizio sull’evento e l’intervista al curatore della rassegna cinematografica “Dark NightsLeopoldo Santovincenzo, oggi incontriamo Katiuscia Magliarisi, attrice e regista milanese che stasera sarà in scena al Teatro Savoia di Campobasso con “Doppelgänger – Chi cammina al tuo fianco“, un affascinante e sinistro spettacolo teatrale che andrà a concludere il festival. L’appuntamento è per le ore 21, l’ingresso sarà gratuito e il ritiro dei biglietti sarà possibile a partire dalle ore 17 presso il botteghino.

11903829_864476073638176_924932670291848003_n
Katiuscia, parlaci di “Doppelgänger“. E’ la prima volta che lo portate in scena?
No, abbiamo fatto un primo studio al Teatro Tor di Nona, a Roma, l’anno scorso. E poi una serie di repliche al Cometa Off ad aprile e adesso abbiamo la fortuna di andare in questo teatro bellissimo con un grande bagaglio di integrazioni importanti fatte all’interno del testo. Ad esempio, abbiamo inserito una macchina della pioggia, proprio perché non c’è noir che si rispetti senza quella goccia di pioggia che riga il viso della femme fatale! Inoltre abbiamo aggiunto anche un video di animazione, che però non può essere descritto ma va visto assolutamente. Insomma, tutta una serie di aggiustamenti per avvicinarci sempre di più al genere.

Katiuscia Magliarisi

Katiuscia Magliarisi

Che tipo di spettacolo è?
In costume, perché è ambientato nella Milano degli anni ’50. Volevamo essere filologici e quindi riportare lo spettatore in quel periodo. Dal punto di vista attoriale, io e Chiara Condrò, la protagonista della storia assieme a me e Francesco Polizzi, abbiamo guardato moltissimi film sia della cinematografia statunitense che di quella italiana. Questo per riprendere, da un lato, le movenze e le gestualità delle attrici di quel tempo, completamente diverse da quelle di oggi. E dall’altro ci siamo innamorate del doppiaggio e anche della recitazione originale, avendo viste entrambe. Il modo di parlare, per quanto riguarda la terminologia utilizzata, era del tutto differente. Il linguaggio, insomma, faceva pendant con la gestualità, ad esempio con il movimento della mano che avvicinava la sigaretta alla bocca e così via.

Cosa c’è di particolare in questo testo, secondo te?
E’ uno spettacolo che viene “montato” in diretta dagli spettatori. La persona che ha ideato il progetto scenico ha avuto l’idea di separare in due il palco, come se ci fosse un Palco A e un Palco B, divisi da delle quinte. Sul Palco A la recitazione è quella teatrale, l’ambientazione è degli anni ’50 e via dicendo. Sul B, non visibile dagli spettatori, c’è una telecamera che riprende a circuito chiuso e la recitazione diventa cinematografica, non più teatrale. Le immagini vengono riprese e riproposte in quattro terzi, su due monitor nel Palco A.

I tre protagonisti dello spettacolo. Da sinistra: Chiara Condrò, Francesco Polizzi e Katiuscia Magliarisi

I tre protagonisti dello spettacolo. Da sinistra: Chiara Condrò, Francesco Polizzi e Katiuscia Magliarisi

Il pubblico come ha reagito?
Ho parlato con gli spettatori alla fine di alcune repliche e mi hanno detto che, dopo un certo disorientamento iniziale, la loro mente, in maniera quasi naturale, iniziava effettivamente a “montarsi” il suo spettacolo-film personale! Questa è una delle cose che ci è piaciuta di più: aver portato, forse, anche un po’ di cinema a teatro non attraverso le semplici video proiezioni.

Il testo è originale?
Il testo è stato riscritto, ma ammettiamo serenamente di aver saccheggiato abbondantemente da diversi grandi film e aver preso molti riferimenti dalle pellicole americane e italiane!

Katiuscia Magliarisi

Katiuscia Magliarisi

Il tema delle due gemelle assassine, di cui parla “Doppelgänger”, è una storia inventata o si riferisce a un fatto di cronaca?
No no, è una storia del tutto inventata! La cosa particolare è che sono venuti diversi gemelli a guardare lo spettacolo e sentire le loro sensazioni mi ha colpito molto. Sono fiera, comunque, di aver creato uno spettacolo che arrivi a tutti, abbandonando un po’ il teatro sperimentale, di ricerca per riuscire a parlare a un pubblico più grande. Abbiamo avuto una platea estremamente eterogenea, dai ragazzi ai 60enni. Una sera mi ricordo che, alla fine dello spettacolo, una signora anziana applaudiva con gli occhi lucidi. Quella è stata la soddisfazione più grande, per me.

11880663_857083714377412_1578392806658539697_n

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...