Cultura

Rigenerazione urbana, via al recupero di Palazzo Sciarra

Rigenerazione urbana, al via piano di recupero di Palazzo Sciarra

Ampliamento degli spazi espositivi, musealizzazione dei ritrovamenti dell’Acquedotto Vergine, ampliamento della rete dei percorsi dell’organismo architettonico con la realizzazione di una copertura vetrata in corrispondenza del cortile storico.

L’Assemblea capitolina ha dato il via libera al piano di recupero di Palazzo Sciarra di Via del Corso avanzato dalla Fondazione Roma, proprietaria dello storico immobile. 

Grazie a questo progetto la città ha l’occasione di vedere realizzato uno spazio contemporaneo all’interno di un contesto storico” dichiara l’assessore all’Urbanistica Luca Montuori.

Si tratta di un piccolo intervento ma molto interessante che permette di poter scoprire nuovi luoghi di Roma e di valorizzare ulteriormente un edificio importante in cui, grazie alla Fondazione Roma, viene realizzato un intervento all’interno appunto di una struttura esistente e si sviluppa recuperandone una parte funzionale degli spazi museali”.

“Valorizziamo un patrimonio di inestimabile bellezza”

Un progetto che punta alla riqualificazione dell’edificio mediante un intervento di ristrutturazione edilizia finalizzato a preservare, ripristinare e valorizzare le peculiarità che concorrono al suo valore storico-architettonico” aggiunge il Presidente della Commissione Urbanistica Carlo Maria Chiossi

I lavori di ristrutturazione non solo riporteranno l’immobile alle sue originarie dimensioni ma andranno anche a valorizzare e preservare l’inestimabile ricchezza custodita al suo interno attraverso la musealizzazione delle arcate dell’Acquedotto Vergine, uno degli acquedotti romani più importanti dell’antica Roma”.

Il piano di recupero

In particolare, il piano di recupero prevede:

  • la riqualificazione dell’immobile attraverso l’ampliamento degli spazi espositivi esistenti mediante il ripristino dell’originaria consistenza degli spazi
  • la musealizzazione dei ritrovamenti del 1888 dell’Acquedotto Vergine in modo da permettere a chi visita il palazzo di poterlo ammirare nella sua integrità con il recupero di spazi interrati esistenti e ripristinati
  • l’ampliamento della rete dei percorsi dell’organismo architettonico facendo diventare il cortile storico tardo ottocentesco l’invaso attorno al quale si articoleranno i nuovi spazi espositivi attraverso la realizzazione di una copertura vetrata in corrispondenza del cortile storico

The Parallel Vision ⚭ ­_ Redazione)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: