Cultura Musica

Oltre 13 milioni di euro a sostegno di autori e artisti

Pubblicato il Decreto relativo ad autori, artisti e mandatari che include le modalità di accesso ai benefici previsti dal Decreto Cura Italia. Misure quantificate in oltre 13 milioni di euro.

Oltre 13 milioni di euro a sostegno di autori, artisti e mandatari

Il Ministero per i beni e le attività culturali e per il turismo ha pubblicato sul sito della Direzione Generale Biblioteche e Diritto d’Autore il Decreto del direttore generale con le modalità di presentazione delle domande per l’accesso ai benefici previsti dal Decreto Cura Italia e annunciati in Parlamento dal Ministro Dario Franceschini.

Si tratta di misure che riguardano gli autori, gli artisti interpreti e esecutori e i mandatari tramite l’attribuzione delle risorse provenienti dalla quota del 10% dei proventi dei compensi per copia privata, pari a oltre 13 milioni di euro.

musician-chitarra
Photo by Ethan Wu on Pexels.com

Il Decreto

Il Decreto Legge 18/2020, meglio noto come “Cura Italia“, è entrato in vigore il 18 marzo 2020 ed è divenuto definitivamente legge il 30 aprile 2020.

All’articolo 90 ha stabilito che la quota del 10% dei compensi incassati nell’anno 2019 per la riproduzione privata di fonogrammi e videogrammi (la cosiddetta “copia privata”) – pari a circa 13,5 milioni di euro – quest’anno venga eccezionalmente attribuita al sostegno degli autori, degli artisti interpreti ed esecutori e dei mandatari (i lavoratori autonomi che svolgono attività di riscossione dei diritti d’autore con contratto di mandato con rappresentanza sottoscritto con organismi di gestione collettiva), colpiti dalla grave crisi in atto nel settore culturale e dello spettacolo a causa dell’emergenza Covid-19.

A partire dal 2016, la quota era stata destinata ogni anno all‘iniziativa “Per chi crea”, nata per finanziare i progetti dei giovani autori.

Il Decreto stabilisce la ripartizione percentuale delle somme tra le categorie di beneficiari e i requisiti per l’accesso da parte dei richiedenti, che tengono conto, per autori ed artisti, del reddito degli stessi, nonché i vari adempimenti che la SIAE (Società Italiana degli Autori ed Editori) e gli altri organismi di gestione collettiva interessati dovranno attuare, una volta ricevute le domande, per poter erogare le somme.

Il Decreto stabilisce, per accedere al contributo per la parte autori, una soglia di reddito complessivo massimo pari a 20.000 euro nel 2018 ed un reddito autorale minimo del 20% del reddito e comunque pari a non meno di 1.000 euro.

Il contributo potrà essere al massimo il 50% del reddito autorale maturato per un importo massimo di 3.000 euro.

Le modalità per ottenere i benefici

Entro il 3 luglio le domande, debitamente compilate seguendo i moduli che trovate qui sotto, dovranno pervenire alla SIAE tramite raccomandata con ricevuta di ritorno o PEC agli indirizzi previsti per ogni singola categoria, come riportato nel decreto di seguito allegato.

Moduli e dichiarazioni

The Parallel Vision ⚭ ­_ Redazione)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: